Il Master in Retorica ha il fine di preparare specialisti di elevato profilo professionale che siano in grado di dominare in ogni aspetto tanto le tecniche oratorie classiche quanto i linguaggi e le forme della comunicazione moderna  – scritta, orale, televisiva, multimediale – e che siano in grado di preparare e di tenere discorsi ufficiali nell’ambito politico, manageriale, giuridico e delle professioni di ogni settore in cui si deve parlare in pubblico. In termini generali, il Master insegnerà come valutare il contenuto del discorso in funzione dell’argomento e dei destinatari; come elaborare e selezionare i contenuti secondo la tecnica classica dell’inventio; come strutturare il discorso secondo coerenza e consistenza logica, fluidità espositiva, efficacia degli esempi, secondo la tecnica classica della dispositio; come scegliere le forme retoriche adeguate, le metafore più efficaci e lo stile, in funzione delle emozioni che si intendono suscitare negli uditori e della persuasione che si desidera ottenere, secondo le tecnica classica della elocutio; come adottare forme di mnemotecnica che consentano di imparare a memoria un intero discorso senza ricorrere necessariamente alla lettura o ad appunti di sostegno; come gestire la mimica visiva, il tono della voce, l’abbigliamento e la postura in funzione del rafforzamento del discorso, secondo la tecnica classica della actio/performatio. In modo particolare, il Master prepara specialisti di retorica che potranno operare nei seguenti settori:

  • Parlare a un’assemblea generale
  • Tenere un comizio politico
  • Tenere un discorso nelle sedi istituzionali, dal Consiglio comunale al Parlamento
  • Relazionare in meeting importanti sotto il profilo professionale
  • Tenere una conferenza ben strutturata secondo i canoni dell’oratoria classica
  • Partecipare in modo efficace a trasmissioni televisive, radiofoniche e via web (streaming)
  • Scrivere discorsi per conto terzi (speechwriting, ghostwriting)
  • Costruire discorsi argomentati in modo rigoroso ed efficace
  • Argomentare negli spazi della cominicazione via web, social, blog e siti internet

 

Direttore del Master
Prof. Roberto Mordacci

La retorica è un’arte antica e quasi dimenticata, ma ci sarebbe un gran bisogno che ritornasse, in nuove vesti, adattate alla comunicazione globale. La disciplina di Cicerone è in realtà l’arte di far vincere i buoni argomenti anche contro interlocutori astuti e persino scorretti: smascherare i loro trucchi o batterli sul loro terreno significa spesso poter affermare un’idea o un valore cui teniamo molto.

Il Master in Retorica per le imprese...

Il Master in Retorica per le imprese, la politica e le professioni non è un corso di public speaking, né di ghost writing, né di storytelling. È tutte queste cose, ma riportate alla loro radice e forza originaria, depositata nella tradizione della retorica classica – fortissima in Occidente fin dall’epoca greca e latina. Non si tratta certo di insegnare in modo scolastico gli autori antichi, ma di apprendere le tecniche con cui da sempre, da Socrate a Schopenhauer, da Martin Luther King a Hillary Clinton, si è cercato di far prevalere, nelle dispute pubbliche, le buone ragioni, i ragionamenti più veri, che troppo spesso, però, non sono e presentati in maniera convincente.
Il Master nasce dalla collaborazione fra la Facoltà di Filosofia del San Raffaele, una delle più dinamiche e affermate sul piano nazionale e internazionale, e la piattaforma informativa di Mediaset, in particolare la rete allnews Tgcom24. L’obiettivo è offrire strumenti al bisogno di comunicare efficacemente, cioè in modo chiaro e pronto ad affrontare le obiezioni, che si manifesta a più livelli nel mondo dell’impresa, nelle istituzioni, nella politica e in genere nelle professioni di impatto pubblico (insegnanti, avvocati, scienziati, manager, comunicatori).
Nel corso sono previste lezioni frontali, tenute dai docenti della Facoltà (fra cui Massimo Cacciari, Andrea Tagliapietra, Matteo Motterlini, Roberto Mordacci), seminari con giornalisti e professionisti di Mediaset (Paolo Liguori, Paolo Del Debbio, Mario Giordano, Alessandro Banfi, Davide Parenti), incontri professionisti della comunicazione e della politica (Giuliano Ferrara, Claudio Martelli) ed esercitazioni negli studi Mediaset con l’uso del mezzo televisivo.
Una retorica 2.0, pensata e praticata per le forme contemporanee della comunicazione: una professione per la quale c’è una richiesta crescente nelle aziende e nell’ambito pubblico in generale. E forse, una tradizione che farebbe bene riscoprire anche nel linguaggio comune, per rendere più piacevoli e ben condotte le nostre conversazioni quotidiane.Il Master in Retorica ha il fine di preparare specialisti di elevato profilo professionale che siano in grado di dominare in ogni aspetto tanto le tecniche oratorie classiche quanto i linguaggi e le forme della comunicazione moderna – scritta, orale, televisiva, multimediale – e che siano in grado di preparare e di tenere discorsi ufficiali nell’ambito politico, manageriale, giuridico e delle professioni di ogni settore in cui si deve parlare in pubblico. In termini generali, il Master insegnerà come valutare il contenuto del discorso in funzione dell’argomento e dei destinatari; come elaborare e selezionare i contenuti secondo la tecnica classica dell’inventio; come strutturare il discorso secondo coerenza e consistenza logica, fluidità espositiva, efficacia degli esempi, secondo la tecnica classica della dispositio; come scegliere le forme retoriche adeguate, le metafore più efficaci e lo stile, in funzione delle emozioni che si intendono suscitare negli uditori e della persuasione che si desidera ottenere, secondo le tecnica classica della elocutio; come adottare forme di mnemotecnica che consentano di imparare a memoria un intero discorso senza ricorrere necessariamente alla lettura o ad appunti di sostegno; come gestire la mimica visiva, il tono della voce, l’abbigliamento e la postura in funzione del rafforzamento del discorso, secondo la tecnica classica della actio/performatio.

Piano didattico

A. Programma delle lezioni frontali in Università
(I corsi durano in media 12 ore, suddivise in tre moduli di 4 ore ciascuno)

Primo modulo
Fondamenti della retorica classica, dai Sofisti/Retori ad Aristotele
Docente: Prof. Giuseppe Girgenti (Università San Raffaele, Milano)

Secondo modulo
L’eloquenza è logica che prende fuoco”: Critical thinking
Docente: Prof.ssa Francesca Boccuni (Università San Raffaele, Milano)

Terzo modulo
La tecnica oratoria latina, da Cicerone a Quintiliano
Docente: Prof.ssa Maria Bettetini (IULM, Milano)

Quarto modulo
“Fare cose con le parole”: Pragmatica della comunicazione
Docente: Prof.ssa Claudia Bianchi (Università San Raffaele, Milano)

Quinto modulo

Discorsi e rispetto: piccola guida al politicamente (s)corretto
Docente: Prof. Roberto Mordacci (Università San Raffaele, Milano)

Sesto modulo
L’arte della bugia. Elementi di pseudologia
Docente: Prof. Andrea Tagliapietra (Università San Raffaele, Milano)

Settimo modulo
Ira e ironia
Docente: Prof. Massimo Cacciari (Università San Raffaele, Milano)

Ottavo modulo
Argomentare e convincere
Docente: Prof. Marco Santambrogio (Università di Parma)

Nono modulo
Il discorso pubblico e la sua influenza nelle decisioni individuali: il caso del voto
Docente: Prof.ssa Francesca Pongiglione (Università San Raffaele, Milano)

Decimo modulo
La comunicazione via web: Blog, Twitter, Facebook, Youtube
Docente: Dott. Fabio Chiusi (Pubblicista)

Undicesimo modulo
Ideologia e retorica
Docente: Prof. Diego Fusaro (Università San Raffaele, Milano)

Dodicesimo modulo

Il discorso pubblico: ragionevolezza e giustificazione
Docente: Prof.ssa Roberta Sala (Università San Raffaele, Milano)

Tredicesimo modulo
Come le idee e le credenze si diffondono e permeano le nostre azioni
Docente: Prof.ssa Elisabetta Sacchi (Università San Raffaele, Milano)

Quattordicesimo modulo

Pensare per immagini. Concetti in figura
Docente: Prof. Francesco Valagussa (Università San Raffaele, Milano)

Quindicesimo modulo
Economia emotiva
Docente: Prof. Matteo Motterlini (Università San Raffaele, Milano)

Sedicesimo modulo

Atti linguistici e sociali, atti istituzionali, atti collettivi
Docente: Prof.ssa Francesca De Vecchi (Università San Raffaele, Milano)

Diciassettesimo modulo
Filosofia dell’umorismo
Docente: Prof. Alberto Voltolini (Università di Torino)

Diciottesimo modulo
Strategie del senso. Metamorfosi della verità
Docente: Prof. Massimo Donà (Università San Raffaele, Milano)

B. Seminari in azienda e/o università
(I seminari dal primo al sesto durano 8 ore, suddivise in due moduli di 4 ore ciascuno. I rimanenti tre seminari durano 4 ore ciascuno)

Primo seminario
L’uso sofistico della diretta televisiva
Docente: Paolo Liguori

Secondo seminario
La retorica nel giornalismo di attualità e sportivo
Docente: Claudio Brachino

Terzo seminario
Oralità, scrittura e narrazione nei media
Docente: Mario Giordano

Quarto seminario
Il dibattito televisivo, in studio e nelle piazze; rapporto tra estetica e retorica nei media
Docente: Paolo Del Debbio

Quinto seminario
Retorica e consenso politico
Docente: Claudio Martelli

Sesto seminario
Valori, identità e cultura nella retorica di massa
Docente: Alessandro Banfi

Settimo seminario (4 ore)
Il mestiere dello “speechwriter”
Docente: Mario Massazza

Ottavo seminario (4 ore)
Incontro con Giuliano Ferrara

Nono seminario (4 ore)
L’azione scenica del discorso: elementi di prossemica
Docente: Davide Parenti

(C) Esercitazione pratica negli studi televisivi Mediaset
(durate delle esercitazioni: 36 ore complessive)
Esercitatori: Enrico Rubetti, Roberto Voltolini, Giordano Roverato

Calendario

Calendario provvisorio

APRILE

10 (9-13) Girgenti; (14-18)Boccuni
11 (9-13) Girgenti; (14-18) Girgenti

17 (9-13) Bettetini; (14-18) Boccuni
18 (9-13) Boccuni; (14-18) Bettetini

MAGGIO

8 (9-13) Bianchi; (14-18) Bettetini
9 (9-13) Bianchi;

15 (9-13) Mordacci; (14-18) Bianchi
16 (9-13) Mordacci

22 (9-13) Tagliapietra; (14-18) Tagliapietra
23 (9-13) Liguori; (14-18) Brachino

29 (9-13) Tagliapietra (14-18) Liguori
30 (9-13) Brachino

GIUGNO

5 (9-13) Cacciari; (14-18) Giordano
6 (9-13) Giordano

12 (9-13) Santambrogio; (14-18) Del Debbio
13 (9-13) Santambrogio

19 (9-13) Santambrogio; (14-18) Pongiglione
20 (9-13) Del Debbio

26 (9-13) Martelli; (14-18) Pongiglione
27 (9-13) Martelli

LUGLIO

3 (9-13) Chiusi; (14-18) Pongiglione
4 (9-13) Chiusi

10 (9-13) Chiusi; (14-18)Banfi
11 (9-13) Fusaro

17 (9-13) Fusaro; (14-18)Banfi
18 (9-13) Fusaro

SETTEMBRE

4 (9-13) Sala; (15-18) Massazza
5 (9-13) Sacchi; (15-18) Massazza

11 (9-13) Sala; (14-18) Sacchi
12 (9-13) Sala; (14-18) Sacchi

18 (9-13) Valagussa ¸(14-18) Valagussa
19 (9-13) Valagussa

25 (9-13) Motterlini¸(14-18) Motterlini
26 (9-13) Motterlini

OTTOBRE

2 (9-13) De Vecchi; (14-18) Voltolini
3 (9-13) De Vecchi; (14-18) Donà

9 (9-13) De Vecchi (14-18) Donà
10 (9-13) Donà; (14-18) Voltolini

16 (9-13) Mordacci; (14-20) Ferrara
17 (9-13) Parenti;

23 ESERCITAZIONI
24 ESERCITAZIONI

30 ESERCITAZIONI
31 ESERCITAZIONI

NOVEMBRE

6 ESERCITAZIONI
7 ESERCITAZIONI

27 ESAMI
28 ESAMI

DICEMBRE

4 ESAMI
5 ESAMI

l Master in Retorica prepara specialisti che potranno operare nei seguenti settori: parlare a un’assemblea generale; tenere un comizio politico; tenere un discorso nelle sedi istituzionali, dal Consiglio comunale al Parlamento; relazionare in meeting importanti sotto il profilo professionale; tenere una conferenza ben strutturata secondo i canoni dell’oratoria classica; partecipare in modo efficace a trasmissioni televisive, radiofoniche e via web (streaming); scrivere discorsi per conto terzi (speechwriting, ghostwriting); costruire discorsi argomentati in modo rigoroso ed efficace; argomentare negli spazi della comunicazione via web, social, blog e siti internet.

Il Master fornisce pertanto una preparazione adeguata per svolgere attività oratoria prevalentemente nei seguenti ambiti professionali: consiglieri comunali, provinciali, regionali; deputati al Parlamento nazionale ed europeo; avvocati, magistrati; manager, amministratori pubblici; responsabili di uffici stampa e pubbliche relazioni, portavoce; giornalisti della carta stampata, della televisione e del web; docenti di scuola secondaria, ricercatori e professori universitari; professionisti di ogni settore in cui è necessario parlare in pubblico e relazionare; ghostwriter e speechwriter nei vari ambiti professionali in cui è richiesta tale funzione; autori e curatori di siti web, pagine social e blog.

La selezione dei candidati consisterà in una valutazione dei titoli ed in un colloquio che saranno effettuati utilizzando i seguenti criteri:

Punteggio massimo, 10 punti, così suddiviso:

  • Tesi di Laurea attinente: 3 punti
  • Voto di Laurea: 3 punti
  • Tesi di Laurea specialistica/magistrale/vecchio ordinamento: 2 punti
  • Altri titoli (pubblicazioni, altri master, corsi di perfezionamento o specializzazione, abilitazione all’esercizio delle professioni con iscrizione al relativo ordine professionale): 2 punti

Se il numero di domande sarà superiore al numero di posti disponibili verrà effettuato un colloquio con un punteggio massimo di 5 punti.

Il punteggio massimo ottenibile in caso di colloquio è 15 punti.