Mai come oggi, il settore enogastronomico italiano conosce una stagione tanto vivace, seguendo un andamento destinato a crescere significativamente nei prossimi decenni. Nuove sfide e nuove opportunità si prospettano pertanto a un settore che, negli ultimi quindici anni, ha saputo realizzare un vero e proprio secondo miracolo italiano.

La semplice conoscenza tecnica dei prodotti e uno storytelling ormai troppo legato a stilemi inflazionati non sono più in grado di restituire la complessità e la bellezza dell’enogastronomia italiana. A ciò dobbiamo aggiungere la concorrenza internazionale volta a imitare e sostituire i prodotti del Made in Italy, privandoli però della loro peculiarità. Tale unicità va difesa e comunicata, ripensando la tradizione e il patrimonio enogastronomici attraverso forme innovative, attuali ed efficaci. Ecco la sfida ambiziosa che il nostro Master in Filosofia del Cibo e del Vino si propone: fornire gli strumenti per poter ridefinire e rivisitare dal punto di vista intellettuale e creativo, oltre che tecnico e specialistico, il mondo gastronomico e enologico italiano. Non perché si chiuda in se stesso, ma perché sia comunicabile ed esportabile in tutto il mondo, mantenendo la propria tipicità, la propria storia, il proprio valore.

Una sfida che nasce dalla collaborazione tra la Facoltà di Filosofia dell’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano, l’Italian Signature Wine Accademy (ISWA) – che raccoglie otto tra le più significative aziende vinicole italiane (Allegrini, Arnaldo Caprai, Feudi di San Gregorio, Fontanafredda, Frescobaldi, Masciarelli, Planeta e Villa Sandi) – e il gruppo bancario Intesa Sanpaolo, oltre a una serie di aziende partner tra le più importanti nel settore agroalimentare (come Agriform e Molino Quaglia) e nel settore commerciale (come Eataly).

L’agroalimentare è un ambito in cui c’è ampia richiesta di professionalità esperte, dalla visione innovativa e giovane, in grado di comunicare attraverso i media più attuali e di riposizionare i prodotti sui nuovi canali del mercato. Un settore su cui i giovani possono investire, avendo nuove e numerose possibilità di sviluppo su vari fronti. Il Master vuole allora essere la carta vincente per rendere questo investimento, sicuro ed efficace.

Il Direttore del Master,

Prof. Massimo Donà

Dicono di noi

Corriere della Sera – 29/09/2017

“Un master (filosofico) per i nuovi manager enogastronomici”

QUI


Il Giorno Milano – 03/11/2017

“Da Bacco a Nietzsche: filosofie del vino per intenditori doc”

QUI

 

ANSA.it – Terra&Gusto

Alla Camera Uni.S.Raffaele lancia un corso manager enogastronomici

QUI

Metodologie

Qual è la forma simbolica di un piatto tradizionale della cucina italiana? Quale nesso intercorre tra il luogo di produzione, ad esempio, di un vino o di un formaggio, i saperi antichi sedimentati nelle tecniche con cui vengono ancora oggi realizzati e l’immaginario simbolico che essi evocano? Perché un cibo o un vino sanno restituirci qualcosa che va oltre il loro semplice essere ‘alimenti’, facendo riaffiorare in noi ricordi ed emozioni nascosti? Quale significato hanno tutte queste domande, nella prospettiva di un paese come il nostro in cui l’elemento enogastronomico rappresenta una peculiarità unica e una grandissima risorsa? Saper dare risposta a interrogativi del genere, saper intessere la fitta trama che lega i prodotti alla loro storia, passando per le caratteristiche tecniche e organolettiche che li caratterizzano, fino alle forme più efficaci con cui promuoverli, è il grande impegno che attenderà i professionisti del cibo e del vino di domani.

A questo scopo servono esperti capaci di coniugare professionalità e conoscenza dei prodotti, senza prescindere dalla conoscenza di elementi antropologici, storici, estetici ed economici. Manager della comunicazione e del marketing che diffondano l’idea che il prodotto enogastronomico è il risultato di un processo radicato nella storia dei nostri territori, capace di coniugare la propria origine con l’innovazione e la creatività.

Perché studiare Filosofia del Cibo e del Vino in UniSR ?

Gli studenti che si iscriveranno al Master acquisiranno competenze professionali per pensare, raccontare e valorizzare la conoscenza e la promozione dei prodotti enogastronomici italiani. Filosofia, etica ed estetica; storia e geografia del paesaggio e del territorio; letteratura, arte, antropologia e storia delle religioni aiuteranno a studiare il cibo e il vino in relazione alla loro origine, ai loro territori di produzione, passando per l’evoluzione delle pratiche e degli impieghi in cucina, fino alle trasformazioni del loro consumo in tavola.

Accanto alla componente storico-filosofica, gli studenti approfondiranno la produzione e la filiera di alcuni prodotti tra i più significativi (come il vino, l’olio, la pasta, il riso, la farina, il miele, il formaggio e il caffè) nonché le tecniche di degustazione sensoriale per riconoscere la qualità e le caratteristiche organolettiche dei prodotti con cui, di volta in volta, saranno portati a misurarsi.

Al Master potranno iscriversi studenti provenienti da qualsiasi tipo di formazione: la singolarità delle provenienze sarà fortemente valorizzata dall’approccio interdisciplinare del Master. In tal modo ogni studente potrà sviluppare e affinare il proprio punto di vista sul mondo enogastronomico e le proprie metodologie di operare in esso, a partire da quelle che sono le sue propensioni e le sue professionalità, in maniera assolutamente libera e creativa.

Narrare

La comunicazione sarà uno degli aspetti centrali nell’offerta formativa del Master. Attraverso lezioni frontali e laboratori di scrittura, gli studenti acquisiranno le tecniche comunicative per raccontare e descrivere i prodotti e le esperienze sensoriali che incontreranno durante il loro percorso di studi.

Reinventare

L’interdisciplinarità del Master conferirà agli studenti la capacità di elaborare nuove forme comunicative e ideare con competenza strategie di marketing efficaci e credibili

Rinnovare

Creatività e competenza saranno le parole chiave che guideranno il percorso professionalizzante dei nostri studenti: rendere il patrimonio simbolico di ieri all’altezza delle sfide di domani.

Responsabili del Corso

Direttore del Master:
Prof. Donà Massimo

Contatti:

dona.massimo@unisr.it

3488827178

Responsabile Scientifico
Dott. Giacomo Petrarca

Contatti

filosofia.cibovino@unisr.it

+39 02 91751547

Le 360 ore di lezione saranno tenute da più di quaranta docenti, tra i quali: Massimo Donà (filosofia del vino), Andrea Tagliapietra (filosofia del cibo), Francesco Valagussa (Estetica e filosofia della forme simboliche), Enzo Bianchi (il cibo nel cristianesimo), Angela Frenda (raccontare il cibo e il vino), Massimo Cacciari (cibo e sacrificio), Gianni Moriani (la costruzione dell’identità italiana in cucina), Davide Paolini (il Gastronauta), Mauro Varotto (geografia del cibo), Vincenzo Trione (il cibo nell’arte), Alberto Capatti (storia della cucina), Giampaolo Gravina (le parole del vino), Sandro Sangiorgi (la vite e la vinificazione), Nicola Frasson (introduzione alla degustazione del vino), Fabio Pracchia (introduzione alla degustazione del vino II) e molti altri.

PIANO DEGLI STUDI

360 ore di ATTIVITÀ DIDATTICA (tra lezioni, laboratori e seminari)

300 ore di STAGE IN AZIENDA (corrispondenti a 60 CFU totali)

5 VISITE durante i mesi di lezione (visite presso aziende, partecipazione a eventi enogastronomici)

 

Le lezioni si terranno il venerdì e il sabato (dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18) presso la sede di Banca Intesa Sanpaolo Formazione in via Cechov 50/5 (5 minuti dalla fermata MM1 Bonola)

Inizio lezioni: venerdì 19 gennaio 2018

 

Struttura del programma e piano di studio:

L’attività in aula prevede 360 ore di lezioni e di laboratori, divisi per 5 unità didattiche di base e specialistiche.

 

UNITÀ DIDATTICA 1: I FONDAMENTI (3 moduli didattici)

  1. SIMBOLICHE DEL CIBO

Filosofia del vino

Estetica e filosofia delle forme simboliche

Filosofia del cibo

Il cibo nell’arte

  1. LUOGHI, STORIA E TECNICHE DEL CIBO E DEL VINO

Geografia del cibo e terroir

Antropologia del cibo

Il cibo tra Atene e Roma

Storia della cucina

La costruzione dell’identità italiana in cucina

La vite e la vinificazione

L’industria agroalimentare

  1. COMUNICAZIONE

Scrivere il cibo (lezioni + laboratorio)

Comunicare efficacemente in contesti internazionali: la competenza comunicativa interculturale

Il cibo e il web

Strategie e contenuti digitali

Videomaking e pubblicità

 

UNITÀ DIDATTICA 2: LE SPECIALISTICHE (3 moduli didattici)

  1. CIBO E MONOTEISMI

Il cibo nella tradizione ebraica

Il cibo nel cristianesimo

Il cibo nella tradizione islamica

  1. NUTRIZIONE E CIBO

Stile di vita e progettazione di una sana alimentazione nel XXI secolo

Nutrizione e salute

Cibo, biopolitica e globalizzazione

  1. IL MARKETING

Lezioni a cura di Banca IntesaSanpaolo


UNITÀ DIDATTICA 3: LE PRATICHE (2 moduli)

  1. RACCONTARE IL CIBO E IL VINO

Interpretare il vino

Interpretare il vino (2)

Turismo enogastronomico

Ermeneutica dell’espressione (lezione + laboratorio)

Laboratorio di scrittura creativa

Cibo e psicologia

  1. CONOSCERE, DEGUSTARE, RACCONTARE: I PRODOTTI

Il vino: introduzione alla degustazione

L’olio: produzione e degustazione

Il riso: dalla risaia al risotto (visita in loco)

La farina: dal prodotto alla trasformazione

Il formaggio: storia e produzione (visita in loco)

La pasta: storia e produzione

Etica ed estetica del miele

Caffè e macchine del caffè: storia, tipologie e degustazione (visita in loco)

Itinerari enogastronomici


UNITÀ DIDATTICA 4: I SEMINARI

Lezione di inaugurazione (tenuta da una delle cantine di ISWA)

Il cibo e il sacrificio

Sapere e sapore: conversazione con lo chef

Legislazione vinicola

Incontro con i produttori

Incontro con i produttori 2

Incontro con i produttori 3

Le professionalità acquisite durante il master e gli sbocchi lavorativi

> Comunicare e raccontare i prodotti enogastronomici italiani

> Conoscere le diverse specificità del mondo del cibo e del vino e saperle inscrivere in maniera efficace e convincente all’interno di una rete commerciale

> Organizzare piani strategici di promozione e comunicazione legati al made in Italy in ambito enogastronomico (come stand in fiere del settore o campagne social)

> Scrivere su riviste del settore enogastronomico

> Tenere relazioni per conto di un’azienda o di un produttore con i media specializzati

> Condurre presentazioni dei prodotti enogastronomici, del loro territorio di origine, dei modi di produzione e del loro consumo corretto

> Sapersi interfacciare con clienti che vogliano avere una visione d’insieme sull’azienda e sul prodotto che intendono acquistare

> Diffondere ad una platea vasta il patrimonio culturale-enogastronomico italiano con eventi e presentazioni

> Progettare itinerari enogastronomici per aziende del settore enogastornomico

> Costruire percorsi di storytelling per le aziende

> Utilizzare i diversi canali di comunicazione (siti web e social network) per la narrazione dei prodotti

> Mettere in rapporto i prodotti enogastronomici con stili di vita equilibrati e sostenibili

> Avere dimestichezza con le regole del marketing e del commercio estero, specialmente in ambito enogastronomico

Il Master in “Filosofia del Cibo e del Vino” dell’Università Vita-Salute San Raffaele è il primo Master nel settore enogastronomico che nasce da una stretta collaborazione tra università e aziende del settore. Non solo dunque lezioni in aula ma anche attività pratiche in azienda per pensare, raccontare e valorizzare il prodotto made in Italy.

Lo scopo è fornire la certezza di uno stage di qualità in alcune tra le più prestigiose aziende italiane. Questa esperienza lavorativa consentirà agli studenti di applicare e mettere alla prova le competenze acquisite in aula e nei laboratori pratici, di entrare in contatto con le diverse professionalità presenti nelle aziende e di mettersi alla prova in un contesto lavorativo di eccellenza italiano e internazionale.

Lo stage è il primo indispensabile bagaglio con cui costruire la propria carriera professionale e sarà possibile svolgerlo in una delle aziende partner o sostenitrici, in particolare le aziende del gruppo ISWA (Allegrini, Fontanafredda, Planeta, Villa Sandi, Arnaldo Caprai, Feudi, Di San Gregorio, Marchesi, De’ Frescobaldi) Eataly,  Molino Quaglia, Gruppo Veronesi, Agriform, Calzedonia, Signorvino.

           

              

       

 

         

   

GRADUATORIA

I candidati idonei all’iscrizione possono procedere con l’Immatricolazione seguendo la seguente procedura:

  1. Collegarsi alla pagina https://intranet.unisr.it/esse3/Home.do del sito di Ateneo e procedere con la registrazione online dei dati anagrafici. Al termine della registrazione online verranno rilasciate al candidato le credenziali per accedere all’area riservata come verrà dettagliato al Front Office della segreteria al momento dell’immatricolazione
  2. Inviare a segreteria.master@unisr.it copia della Domanda di Immatricolazione debitamente compilata e firmata e fotocopia del versamento effettuato ENTRO E NON OLTRE GIOVEDI’ 21 DICEMBRE 2017
  3. Presentarsi al Front Office della Segreteria Studenti a partire dal giorno 8 gennaio 2018 con la documentazione richiesta in questa pagina:
  • Domanda di Immatricolazione compilata e sottoscritta (i candidati italiani devono compilare solo la parte del modulo in italiano);
  • Copia della ricevuta di pagamento della prima rata di tasse e contributi da effettuarsi alle coordinate indicate alla pagina “Tasse e Contributi”;
  • Fotocopia della Carta di Identità in corso di validità;
  • Fotocopia del Codice Fiscale;
  • 2 Fotografie formato tessera identiche tra loro e firmate sul retro
  • Informativa per la tutela dei dati personali

Il Front Office della Segreteria Master (via Olgettina, 58 20132 Milano, Palazzo Dibit 2, Ciborio piano -1) osserva i seguenti orari di apertura:

Dal Lunedì al Venerdì dalle 9.00 alle 11.30
Il Martedì, Mercoledì e Giovedì anche dalle 13.30 alle 14.30

CHIUSURA FESTIVITA’ NATALIZIE DAL 21 DICEMBRE 2017 AL 7 GENNAIO 2018 COMPRESI.

Contatti e informazioni amministrative: segreteria.master@unisr.it

Inizio Corso

19 gennaio 2018

Tasse di iscrizione

> Tasse e contributi