La Facoltà di Filosofia dell’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano ha attivato la prima serie di lectures per la Cattedra in memoria del professor Giuseppe Rotelli, fondatore del Gruppo ospedaliero San Donato, scomparso nel 2013. Le lectures saranno dedicate ogni anno a tematiche di rilievo per le società contemporanee e affidate a personalità di spicco in ambito internazionale.

Ciascuno degli ospiti internazionali svolgerà un ciclo di 6 lezioni aperte a tutti. A ogni relatore sarà chiesto di presentare riflessioni inedite che, partendo dai temi centrali della propria ricerca, ne svolgano implicazioni nuove o ne colleghino i risultati con altri ambiti di riflessione. Il compito di “discussant” – per sollevare critiche, obiezioni e domande sarà affidato ai docenti e agli studenti dell’Università Vita-Salute San Raffaele.
La Cattedra Giuseppe Rotelli attiva anche un assegno di ricerca per un ricercatore post-doc, sui temi oggetto delle lectures.

I primi due relatori internazionali confermati sono:

  • François Jullien (Chaire sur l’Altérité, Fondation maison des sciences de l’homme) – previsto per aprile 2017. Il Professor Jullien tratterà il tema dell’Alterità nelle sue varie applicazioni, dalle implicazioni etiche e politiche del dialogo tra culture diverse alla rilevanza dell’alterità in riferimento, per esempio, all’arte.
  • Rae Helen Langton (MIT) – prevista per la primavera 2018. La Professoressa Langton tratterà di Autorità e conoscenza con riferimento agli atti linguistici e alle conseguenze per il concetto di fiducia.

Il primo relatore internazionale ospite della Facoltà per il 2017 è François Jullien (Cattedra sull’Alterità, Fondation Maison Des Sciences de l’Homme, Università Paris VII) che tratterà il tema dell’Alterità nelle sue implicazioni filosofiche, culturali, etiche e politiche: il dialogo tra culture diverse, il rapporto fra tradizioni linguistiche, artistiche e morali anche molto lontane tra loro e in particolare la relazione fra tradizione occidentale e pensiero cinese.

Il Professor Jullien terrà il suo corso, composto di sei lezioni, dal 3 all’11 aprile 2017. Per ciascun incontro sarà presente un discussant per discutere con il Professor Jullien e aprire il dibattito al pubblico.

A partire dai concetti di “scarto”, di “fra” e di “risorsa”, proporremo di pensare il paradosso del rapporto con l’altro, rapporto che si configura tanto in senso culturale quanto in senso personale.

Il programma della Lecture

Il Professor François Jullien terrà le seguenti sei lezioni:

  • Europa in Cina: l’altrove, l’altro e la strategia di decostruzione della filosofia dall’esterno

Lunedì 3 aprile 2017 – ore 16:00 – 19:00

Discussant: Andrea Tagliapietra (CRISI)

Discussant junior: Mario Marotta

Aula San Raffaele – Settore B OSR

  • Né comparazione né differenza: lo scarto, l’interno, la risorsa

Martedì 4 aprile 2017 – ore 16:00 – 19:00

Discussant: Francesco Valagussa (DIAPOREIN)

Discussant junior: Leonardo Serafini

Aula Newton – DiBit 1

  • Per una esplorazione delle differenze (tra culture Cinese ed Europea)

Mercoledì 5 aprile 2017 – ore 14:00 – 17:00

Discussant: Alfredo Tomasetta (CRESA)

Discussant junior: Veronica Rupil

Aula Newton – DiBit 1

  • Dallo scarto al comune: i dia-logos delle culture

Giovedì 6 aprile 2017 – ore 16:00 – 19:00

Discussant: Roberto Mordacci (CeSEP)

Discussant junior: Alessandro Volpe

Aula Newton – DiBit 1

  • L’altro nel più profondo di sé: la risorsa dell’intimo

Lunedì 10 aprile 2017 – ore 16:00 – 19:00

Discussant: Silvia Chiodi (CNR – ILIESI, CRISI)

Discussant junior: Chiara De Martino

Aula Newton – DiBit 1

  • Lontano dal frastuono dell’amore: intra-tenere la risorsa dell’Altro; dall’Essere all’Altro; il tutt’altro e l’infinito

Martedì 11 aprile 2017 – ore 16:00 – 19:00

Discussant: Francesca De Vecchi (PERSONA e gender)
Roberto Mordacci (CeSEP)

Discussant junior: Ludovica Filieri

Sala Aurora – Palazzo Arese Borromeo – Cesano Maderno MB

“En attendant Jullien – Attività propedeutiche”

Seminario Didattico: Mercoledì 5 ottobre 2016 - Lezione del prof. Marcello Ghilardi (Università di Padova)

Lezione del prof. Marcello Ghilardi (Università di Padova) – Mercoledì 5 ottobre – ore 14.00-16.00
Aula San Giovanni Crisostomo (Dibit2 piano terra)

L’intervento del prof. Marcello Ghilardi, ricercatore in Estetica all’Università di Padova, sarà incentrato sull’analisi dei fondamentali plessi teorici esposti dal filosofo e sinologo francese François Jullien con particolare attenzione alle nozioni di “alterità” e “scarto” come basi per il dispiegamento di un comune e tensionale campo di riflessione fra Oriente e Occidente; fecondo luogo di comprensione, in un’ottica interculturale, delle fondamentali categorie del pensiero europeo (Universalità, Identità, Cultura ecc.) attraverso quell’impensato che solo il confronto con i “possibili” generati da un pensiero “altro” può cagionare. La lezione s’inscrive nel quadro degli eventi direttamente collegati alle attività della prestigiosa “Cattedra Giuseppe Rotelli di Filosofia” che quest’anno inaugurerà il suo primo ciclo di lectures dedicate ai grandi temi della contemporaneità proprio con la presenza dell’illustre sinologo francese. Ghilardi, oltre ad essere traduttore di Jullien in Italia, è pure autore di numerose monografie. Per citare solo le più recenti: Filosofia dell’interculturalità (Morcelliana, 2012); Il vuoto, le forme, l’altro (Morcelliana 2014); L’estetica giapponese moderna (Morcelliana, 2016).

Convegno 25-26 ottobre 2016: Filosofia e Maschere del Pensiero

Il 25 e il 26 ottobre l’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano, ospita
Filosofia e Maschere del Pensiero, il convegno co-organizzato dal
Centro di Ricerca Interdisciplinare di Storia delle Idee- CRISI dell’Ateneo e il laboratorio di ricerca ICD (Interactions Culturelles et Discursives) dell’#Université François Rabelais di Tours, mediante gli interventi dei suoi prestigiosi relatori internazionali intende operare una riflessione attorno alla possibile dialettizzazione fra gli ambiti della filosofia e della letteratura concentrando le proprie analisi sul plesso estetico-drammaturgico del personaggio. Esso, inteso come forma di anti-potere – attraverso le sue eversive metamorfosi narrative che lo rendono catalizzatore d’inusitate possibilità – e come istanza critica nei confronti del sapere costituito, rappresenterebbe la chiave di volta per un radicale ripensamento delle categorie filosofiche viste, attraverso quest’innovativa ottica, da quel creativo fuori rappresentato dai territori dell’arte e del teatro.

Assieme ai relatori francesi anche i nostri professori Andrea Tagliapietra, Massimo Donà e Francesco Valagussa, Enrico Cerasi, i moderatori saranno i dottorandi Catrina Piccione e Marco Bruni

Vi aspettiamo in Aula Himhotep, Dibit 1, pianoterra, il 25 ottobre dalle 14.00 alle 19, ed il 26 ottobre dalle alle 19.

Seminari Amina Crisma

Prof. ssa Amina Crisma

(Filosofie dell’Asia orientale – Università di Bologna)

La Cina come Altro, fra distanza e prossimità: sguardi sulle tradizioni di pensiero cinesi, dalle fonti antiche alle rivisitazioni attuali.

Il corso seminariale sarà articolato in 4 incontri:

  1. mercoledì, 16 novembre, ore 14-16

Conflitto e armonia:

l’insorgenza del pensiero nella Cina dell’età assiale,

dalle narrazioni convenzionali alle acquisizioni critiche odierne.

 

  1. giovedì, 24 novembre, ore 16-18

Fra miti e stereotipi:

le percezioni occidentali del pensiero cinese,

dalla “scoperta della Cina” alla critica dell’ “orientalismo”.

 

  1. giovedì, 1 dicembre, ore 16-18

Il Cielo, gli uomini:

la via confuciana e la via taoista,

fra divergenze, convergenze,

riformulazioni e reinvenzioni delle tradizioni.

 

  1. giovedì, 15 dicembre, ore 16-18

La Cina e i suoi Altri:

il rapporto con l’India e l’avventura interculturale del buddhismo,

le relazioni con l’Occidente,

l’emersione di un rinnovato sinocentrismo.

Incontro Laboratorio di Filosofie del Teatro - 14 marzo

“Incomprensioni possibili. Su ciò di cui non si è in grado di parlare, si deve tacere?”

Interverranno Roberto Mordacci e Omar Nedjari.

Lo spettacolo riguarda l’interculturalità e, in particolare, l’incontro fra la Cina e il mondo occidentale nello scenario contemporaneo.
A questo Link il programma di tutti gli incontri

Chi è François Jullien

François Jullien, filosofo, ellenista e sinologo, ha svolto il suo lavoro di ricerca a partire dal pensiero cinese ed europeo.

Piuttosto che una comparazione, ne ha tratto una nuova problematizzazione che, decostruendo dall’esterno gli assunti dell’ontologia europea, permette di riconsiderare da un’altra angolazione i campi della strategia, dell’etica o dell’estetica.

Questa riflessione interculturale l’ha condotto a riproporre la questione dell’universale, liberandolo tanto da un universalismo ingenuo (etnocentrico) quanto da un relativismo indolente (culturalista). In tal modo, si delinea un dia-logo fra le culture, considerate non più dal punto di vista della loro fantasmatica identità, ma da quello delle risorse che i loro scarti fanno apparire per la promozione del comune.

Al contempo, Jullien ha concepito una filosofia che, spostandosi dal pensiero dell’Essere al pensiero dell’Altro, tenta di destituire, nella sua scrittura concettuale, la presa identitaria del concetto che occulta la vita; e, così, di sviluppare una filosofia dell’esistenza come promozione di risorse.

Presidente della “Association française des études chinoises”(1988-1990), direttore dell’UFR Asie orientale dell’Università Paris-VII (1990-2000), presidente del Collège international de philosophie (1995-1998), professore all’Université Denis Diderot Paris-VII e direttore dell’Institut de la pensée contemporaine e del Centre Marcel-Granet. Attualmente è professore all’Università Paris VII, direttore dell’Institut de la pensée contemporaine presso la medesima università dove tiene la Cattedra sull’alterità presso la Fondation Maison des Sciences de l’Homme. È stato inoltre responsabile di numerose collane della Presses Universitaires de France, ha diretto la rivista Agenda de la pensée contemporaine ed è stato presidente dell’Association française des études chinoises negli anni (1988-1990) e del Collège international de philosophie (1995-1998). Sono stati organizzati diversi colloqui e convegni internazionali attorno al suo pensiero, sia in Francia che all’estero (Germania, Argentina, Cina, Vietnam); è uno degli autori francesi più tradotti all’estero, le sue opere sono state edite e pubblicate in oltre venticinque paesi. Nel 2010 ha ricevuto in Germania il Premio Hannah Arendt per il pensiero politico; nel 2011 ha ottenuto il Grand prix de philosophie da parte dell’Académie française per l’insieme della sua opera filosofica.

Principali saggi tradotti in italiano: Elogio dell’Insapore. A partire dal pensiero e dall’estetica cinese, tr. it di F. Marsciani, Milano, Cortina 1999;Trattato dell’efficacia, tr. it. di M. Porro, Torino, Einaudi 1998; Il saggio è senza idee, o l’altro della filosofia, tr. it. di M. Porro, Torino, Einaudi 2002; La Grande Immagine non ha forma. Pittura e filosofia tra Cina antica ed Europa contemporanea, tr. it. di M. Ghilardi, Costabissara, Colla 2004; Nutrire la vita. Senza Aspirare alla felicità, tr. it. di M. Porro, Milano, Cortina 2006;Pensare l’efficacia in Cina e in Occidente, tr. it. di M. Guareschi, Roma-Bari, Laterza 2006; Logos e Tao. Parlare senza parole, tr. it. di B. Piccioli Fioroni, A. De Michele, Roma-Bari, Laterza 2008; L’universale e il comune. Il dialogo tra culture, tr. it. di B. Piccioli Fioroni, A. De Michele, Roma-Bari, Laterza 2010; L’invenzione dell’ideale e il destino dell’Europa, tr. it. di M. Porro, Milano, Medusa 2011; Quella strana idea del bello, tr. it. di B. Piccioli Fioroni, A. De Michele, Bologna, Il Mulino 2012; Lo «scarto» e il «tra». Lezione inaugurale per la Chaire sur l’altérité, tr. it. di M. Ghilardi, Milano-Udine, Mimesis 2014;Sull’intimità. Lontano dal frastuono dell’amore, tr. it. di R. Prezzo, Milano, Raffaello Cortina 2014.

  1. Il male e la cura. Il negativo e la ricerca di senso nella filosofia europea e nel pensiero cinese
  2. Saggezza e filosofia. Confronto con il pensiero cinese
  3. L’idea di efficacia nel pensiero occidentale e in Cina
  4. Il sapore e l’insapore. Confronto fra l’estetica occidentale e quella cinese nell’arte e in cucina

Rae Langton

Rae Helen Langton is an Australian and British professor of philosophy in the Faculty of Philosophy at the University of Cambridge, and taught previously at Massachusetts Institute of Technology. She has published widely on Immanuel Kant’s philosophy, moral philosophy, political philosophy, metaphysics, and feminist philosophy. She is also well known for her work on pornography and objectification.

From 1990-98 she was a Lecturer and Senior Lecturer in the Philosophy department of Monash University in Melbourne. In 1993 she published her paper Speech Acts and Unspeakable Acts.

According to Mary Kate McGowan, “Rather than focus on the harms allegedly caused, Langton explores the hypothesis that pornography actually constitutes harm.”

In 1998 Langton was a Fellow in the Research School of Social Sciences at the Australian National University. She published her first book, Kantian Humility: Our Ignorance of Things in Themselves, based on her thesis. According to one reviewer, “In this perspective there is no idealism in Kant, rather what Langton calls epistemic humility.”

Langton moved to the United Kingdom in 1998. From 1998-99 she was a Lecturer at Sheffield University. From 1999 to 2004 she was Professor of Moral Philosophy at the University of Edinburgh. From 2004-13 she was back in the United States as a Professor in the Department of Linguistics and Philosophy at the Massachusetts Institute of Technology.

Many of the papers she published from 1990-99 were collected in her 2009 book, Sexual Solipsism: Philosophical Essays on Pornography and Objectification, along with her responses to some of her critics.

In 2012 she was one of several philosophers who submitted evidence to the Leveson Inquiry into press ethics.

She was inducted into the American Academy of Arts and Sciences in October 2013.

In 2013 she joined the Faculty of Philosophy at the University of Cambridge and became a Fellow of Newnham College, Cambridge. She gave the John Locke Lectures on ‘Accommodating Injustice’ at Oxford University in 2015.

Publications Books

Articles

  • Objective and Unconditioned Value‘, Philosophical Review 116 (2007), forthcoming.
  • Kant’s Phenomena: Extrinsic or Relational properties? A Reply to Allais’, Philosophy and Phenomenological Research (forthcoming).
  • ‘Disenfranchised Silence’, in Common Minds: Essays in Honour of Philip Pettit, ed. Geoffrey Brennan (Oxford: Oxford University Press, 2006) (in press).
  • Feminism in Philosophy‘, The Oxford Handbook of Contemporary Analytic Philosophy, eds. Frank Jackson and Michael Smith (Oxford: Oxford University Press, 2005), 231-57.
  • Projection and Objectification‘, The Future for Philosophy, ed. Brian Leiter (Oxford: Oxford University Press, 2004).
  • Elusive Knowledge of Things in Themselves‘, Australasian Journal of Philosophy special issue honoring David Lewis, ed. Frank Jackson, 82 (2004), 129-36.
  • Intention as Faith‘, Philosophy (Proceedings of Royal Institute of Philosophy Conference on Action and Agency, 2002); and in Action and Agency, ed. Helen Steward (Cambridge: Cambridge University Press, 2003).
  • Kantian Humility: Reply to Lorne Falkenstein‘, Kantian Review 5 (2001), 64-72.
  • ‘Problems from Kant, by James van Cleve’, Philosophy and Phenomenological Research 66 (2001), 211-8 (Symposium contribution).
  • Virtues of Resentment‘, Utilitas 13 (2001), 255-62, special issue on ‘Character and Consequence’, ed. Julia Driver.
  • Marshall and Parsons on “Intrinsic”‘, co-authored with David Lewis, Philosophy and Phenomenological Research 63 (2001), 1-3.
  • The Musical, the Magical and the Mathematical Soul‘, The History of the Mind Body Problem, eds. Tim Crane and Sarah Patterson (London: Routledge, 2000), 13-33.
  • Locke’s Relations and God’s Good Pleasure‘, Proceedings of the Aristotelian Society, 2000, 75-91.
  • Scorekeeping in a Pornographic Language Game‘, co-authored with Caroline West, Australasian Journal of Philosophy 77 (1999), 303-19. Reprinted: Langton, Sexual Solipsism.
  • Feminism in Epistemology: Exclusion and Objectification‘, Cambridge Companion to Feminism in Philosophy, eds. Jennifer Hornsby and Miranda Fricker (Cambridge: Cambridge University Press, 2000), 127-145. Reprinted: Langton, Sexual Solipsism.
  • Pornography: a Liberal’s Unfinished Business‘, Canadian Journal of Law and Jurisprudence, Special Issue on Legal Theory (1999), ed. Wilfrid Waluchow, 109-133. Reprinted (excerpt): Langton, Sexual Solipsism.
  • Empathy and Animal Ethics‘, co-authored with Richard Holton, Singer and His Critics, ed. Dale Jamieson (Oxford: Basil Blackwell, 1998), 209-32.
  • Defining ‘Intrinsic’‘ (1998), co-authored with David Lewis, Philosophy and Phenomenological Research 58.
  • Free Speech and Illocution‘ (1998), co-authored with Jennifer Hornsby, Legal Theory 4, 21-38.
  • Subordination, Silence, and Pornography’s Authority‘, Censorship and Silencing: Practices of Cultural Regulation, ed. R. Post (J. Paul Getty Trust and Oxford University Press, 1998), 261-84.
  • Love and Solipsism‘ (1997), Love Analyzed, ed. Roger Lamb (Westview Press) 123-152.
  • ‘Pornography, Speech Acts and Silence’ (1997) in Ethics in Practice, ed. Hugh LaFollette (Blackwell).
  • Sexual Solipsism‘ (1995), Philosophical Topics 23 No. 2, ed. Sally Haslanger, 181-219.
  • ‘Receptivity and Kantian Humility’ (1994), Australasian Society for the History of Philosophy Yearbook, ed. K. Haakonssen (RSSS, ANU) 1-25.
  • Beyond a Pragmatic Critique of Reason‘ (1993), Australasian Journal of Philosophy 71 No. 4, 364-84.
  • ‘Locke’s Mechanism: Relations and God’s Good Pleasure’ (1993), Australasian Society for the History of Philosophy Yearbook, ed. K. Haakonssen (RSSS, ANU) 66-88.
  • ‘Inverted Spectrum Revisited’ (1993), Themes from Wittgenstein: Working Papers in Philosophy No. 3, eds. Brian Garrett and Kevin Mulligan (RSSS, ANU) 106-119.
  • ‘Stich on Intentionality and Naturalism’ (1993), Prospects for Intentionality: Working Papers in Philosophy No. 2, ed. Karen Neander (RSSS, ANU).
  • Speech Acts and Unspeakable Acts‘ (1993), Philosophy and Public Affairs 22 No. 4, 305-330. Reprinted in Freedom of Communication in Australia , eds. T. Campbell & W. Sadurski (Dartmouth University Press, 1994). Reprinted in The Problem of Pornography, ed. Sue Dwyer (Wadsworth, 1995). Reprinted in Applied Ethics in American Society eds. Michelfelder and Wilcox (Harcourt Brace, 1996).
  • Duty and Desolation‘ (1992), Philosophy 67, 481-505. Reprinted as ‘Maria von Herbert’s Challenge to Kant’, in Ethics: the Oxford Reader, ed. P. Singer (Oxford University Press, 1994). Reprinted in Vice and Virtue in Everyday Life, eds. R. Fogelin, C. Hoff-Sommers, F. Sommers (Harcourt Brace Jovanovich, 1996).
  • Whose right? Ronald Dworkin, women, and pornographers‘ (1990), Philosophy and Public Affairs 19 No. 4, 311-359. Reprinted in The Philosopher’s Annual 1990, eds. Grim, Mar and Williams (Ridgeview, 1992). Reprinted in The Problem of Pornography, ed. Sue Dwyer (Wadsworth, 1995). Reprinted in Feminist Legal Theory, ed. K. Weisberg (Temple University Press, 1996).