Sistemi della Qualità

La missione dell’Università Vita-Salute San Raffaele è quella di rispondere alla domanda QUID EST HOMO?, nella convinzione che l’essere umano sia un unicum biologico, psicologico e spirituale. Tale missione si esplica come indagine sulle strutture biologiche essenziali, come cura delle manifestazioni patologiche, come scoperta delle potenzialità intellettuali, come scandaglio delle risorse spirituali

L’eccellenza – in campo clinico, come in quello della ricerca e della didattica – non si raggiunge senza un costante impegno.

L’Università Vita-Salute San Raffaele è una Università impegnativa, ispirata a principi religiosi e valoriali, nata per declinare l’ideale del fondatore in un progetto culturale ed educativo complesso.

Il criterio dell’eccellenza che da sempre la guida ha implicato la scelta di un numero limitato di studenti, ammessi tramite rigorose prove di ammissione, al fine di garantire un rapporto ottimale tra corpo docente e discente. Il piano didattico è concepito con la determinazione di azzerare il fenomeno dei fuori corso. La frequenza alle lezioni teoriche e alle esercitazioni pratiche è obbligatoria.

Tutto ciò in un contesto volto a favorire la crescita dello studente a 360° attraverso curriculum personalizzati, uno stretto dialogo studenti-docenti, lo sviluppo della capacità di analisi del proprio settore e di cura per l’altro, l’abitudine all’aggiornamento e alla riflessione sui delicati temi della contemporaneità (morte e sofferenza, bioetica, etica ambientale, degli affari, della politica, ecc…) e un piano di studi attento a conciliare le esigenze di formazione con quelle di attenzione per le personali attitudini e vocazioni.

La Politica della Qualità si è da sempre data degli obiettivi fondamentali molto precisi rispetto a cui ha voluto misurare anche quantitativamente dei propri indicatori di qualità

INDICATORI E OBIETTIVI DELLA QUALITA’ UNISR

Autori principali della Qualità

In accordo con la Politica di Qualità dell’Ateneo Vita-Salute San Raffaele e con le linee guida dell’ANVUR, il ruolo di autori principali del Processo di Autovalutazione viene attribuito a: