Master di II livello in Fisiopatologia Digestiva A.A. 2024/25

Master di II livello in Fisiopatologia Digestiva A.A. 2024/25

  • Ammissioni aperte
Durata1 anno
Crediti60
AccessoValutazione titoli
LinguaItaliana

Bando di concorso

Sono aperte le ammissioni per l'anno accademico 2024/2025 al Master di II livello in Fisiopatologia Digestiva!

Le domande saranno accolte sul portale PICA dal 28/06/2024 (ore 09:00) al 20/10/2024 (ore 23:59)

I requisiti di ammissione sono:

1) Laurea in Medicina e Chirurgia

2) Abilitazione alla professione medica

3) Titolo preferenziale: Specializzazione in Gastroenterologia/Endoscopia Digestiva, Medicina Interna, Chirurgia dell'Apparato Digerente, Endoscopia Digestiva e affini.

Al fine di consentire l’accesso al Master in Fisiopatologia Digestiva ai candidati in possesso di titolo di studio in Medicina e Chirurgia conseguito all’estero nonché di abilitazione professionale, e autorizzati all’esercizio della professione in un paese diverso dall’Italia, la Commissione Didattica può procedere alla valutazione di idoneità del titolo accademico ed alla verifica del possesso della abilitazione all’esercizio professionale nel paese di origine.

DR_8999_2024 Bando ammissione Master II liv. Fisiopatologia Digestiva

Presentazione della domanda di ammissione

Presentazione delle domande di ammissione: dal 28/06/2024 (ore 09:00) al 20/10/2024 (ore 23:59)

Le domande di partecipazione alla selezione, corredate dalla documentazione prevista dal bando, devono essere presentate in modalità telematica attraverso la piattaforma PICA.CINECA.UNISR entro il termine perentorio del 20/10/2024 (ore 23:59)

Il/la candidato/a dovrà registrarsi sul portale inserendo un indirizzo e-mail valido e inserire tutti i dati richiesti per la presentazione della domanda, allegando i documenti in formato PDF. Ogni allegato non dovrà superare le dimensioni di 30 Megabyte.

Il sistema permette di salvare la domanda in bozza fino alla scadenza del concorso. La data di presentazione telematica della domanda di partecipazione alla selezione è certificata dal sistema informatico mediante ricevuta che verrà automaticamente inviata via e-mail. Allo scadere del termine utile per la presentazione della domanda, il sistema non permetterà più l’accesso e l’invio del modulo elettronico. Ad ogni domanda verrà attribuito un numero identificativo che, unitamente al codice concorso indicato nell’applicazione informatica, dovrà essere specificato per qualsiasi comunicazione successiva.

Documenti da allegare alla domanda di ammissione:

  • Autocertificazione o certificato di Laurea in Medicina e Chirurgia con l'indicazione del voto.
  • Autocertificazione o certificato di Abilitazione all'esercizio della professione di Medico Chirurgo.
  • Autocertificazione o certificato di Specializzazione in Gastroenterologia, Endoscopia Digestiva, Chirurgia dell'Apparato Digerente, Medicina Interna e affini, con l'indicazione del voto.
  • Curriculum vitae formativo professionale firmato (indicante l'anzianità di servizio).
  • Eventuali altri titoli.
  • Pubblicazioni scientifiche attinenti (massimo 12).
  • Copia di un documento di identità personale in corso di validità.

Per i candidati in possesso di titolo di studio conseguito all’estero:

  • Traduzione legalizzata del certificato di Laurea, e dichiarazione di valore in loco rilasciata dalla Rappresentanza italiana competente per territorio nel Paese al cui ordinamento appartiene l’istituzione che ha rilasciato il titolo.

Criteri di valutazione

L'accesso al master è subordinato ad una valutazione titoli.

Ogni candidatura ricevuta sul portale PICA, verrà valutata da una commissione didattica, seguendo un criterio numerico basato su un punteggio massimo di 10 punti così suddivisi:

  • Curriculum professionale e formativo: massimo 7 punti (Voto di laurea, max 1,5 punti; Specializzazione: max 3 punti, Anzianità di servizio: max 1,5 punti, Eventuali altri titoli: max 1 punto)
  • Pubblicazioni scientifiche in materie attinenti il corso: massimo 3 punti.  

È prevista una soglia minima 3 punti sotto cui un candidato può essere valutato come non idoneo.

In caso di parità di punteggio, il candidato con il voto di laurea più alto avrà la precedenza.

Link Utili