All the news

I Proff. Ponzoni, Dagna e Ghia tra gli autori di un volume edito dall’OMS

10 January 2019
Medicine

Il Professor Maurilio Ponzoni, Associato di Anatomia Patologica e il Professor Lorenzo Dagna, Associato di Medicina Interna ed il Professor Paolo Ghia, Ordinario di Oncologia Medica presso la Facoltà di Medicina dell’Università Vita-Salute San Raffaele, sono fra gli Autori del prestigioso volume edito dalla Organizzazione mondiale della Sanità (OMS) sulla Classificazione dei tumori linfoidi ed emopoietico.

Gli Autori del volume provengono da ogni continente e quelli italiani rappresentano una frazione estremamente ridotta di essi. Vista la notevole risonanza, la richiesta e l’utilizzo, il testo, stampato in oltre 15000 copie, è attualmente già in fase di ristampa. Il libro è un manuale di riferimento a livello mondiale cui tutti gli specialisti dei settori dell’Ematopatologia, dell’Anatomia Patologica, dell’Oncologia e dell’Ematologia si riferiscono per la diagnosi delle neoplasie ematologiche. Il Prof. Ponzoni è risultato inoltre Coautore di una porzione inerenti i linfomi nel contesto di un altro volume, sempre edito dall’OMS, che fissa i criteri diagnostici per i tumori della Cute.

Commentano i tre docenti:

L’essere stati coinvolti in qualità di autori nella realizzazione di queste opere è per noi fonte di orgoglio e sottolinea ulteriormente il ruolo di rilievo che la nostra Istituzione ha nel panorama scientifico internazionale
Share news

You might be interested in

UniSR PhD Courses 2024-2025
Research10 July 2024
UniSR PhD Courses 2024-2025
UniSR and Citizen Science: our University commitment to participatory research
Research 02 July 2024
UniSR and Citizen Science: our University commitment to participatory research
54 UniSR projects financed with the PRIN 2022 call
Research 21 June 2024
54 UniSR projects financed with the PRIN 2022 call
A therapy able to prevent acute kidney failure identified for the first time in the world
Research12 June 2024
A therapy able to prevent acute kidney failure identified for the first time in the world