All the news

La classifica delle Università nel concorso per entrare nelle scuole di specializzazione: i medici UniSR al top!

29 April 2019
Medicine

Riprende in questi giorni La Repubblica una classifica stilata dall’Associazione Liberi Specializzandi di giovani medici in cui emerge l’ottima posizione dei Laureati presso la nostra Università.

La classifica, che si basa sul voto medio conseguito dai candidati, vede i nostri medici al primo posto con il valore calcolato sull’analisi delle votazioni di circa il 78% dei candidati.

Su una media complessiva dei voti calcolata dell’86,03, i Medici laureati all’Università Vita-Salute San Raffaele hanno raggiunto il valore di 101,41.

Il punteggio complessivo attribuito a ciascuna candidato (massimo 147 punti) viene stabilito in relazione alla somma del punteggio attribuito ai titoli (massimo 7 punti) e al punteggio conseguito nella prova (massimo 140 punti). Questo posizionamento nelle classifiche dà ai nostri laureati la possibilità di scegliere in modo prioritario le migliori scuole di Specializzazione in cui proseguire la propria formazione.

Risulta pertanto chiaro che, nonostante i valori non siano ancora definitivi, la nostra Università si conferma fra le Università che forniscono una formazione universitaria di eccellenza, oggi riconosciuta come una delle più prestigiose università italiane nel mondo, costantemente ai vertici delle più importanti classifiche nazionali ed internazionali per la qualità della sua offerta.

Share news

You might be interested in

UniSR PhD Courses 2024-2025
Research10 July 2024
UniSR PhD Courses 2024-2025
UniSR and Citizen Science: our University commitment to participatory research
Research 02 July 2024
UniSR and Citizen Science: our University commitment to participatory research
54 UniSR projects financed with the PRIN 2022 call
Research 21 June 2024
54 UniSR projects financed with the PRIN 2022 call
A therapy able to prevent acute kidney failure identified for the first time in the world
Research12 June 2024
A therapy able to prevent acute kidney failure identified for the first time in the world