Tutte le news

Percepire la verità e il valore – Deliberazioni fenomenologiche sulla percezione etica

06 giugno 2016
Filosofia

La Professoressa De Monticelli invited speaker alla Leuphana University di Lüneburg (Germania)

La Prof.ssa Roberta De Monticelli, ordinario di Filosofia della persona (Teoretica) presso l’Università Vita-Salute San Raffaele, parteciperà come invited speaker al Workshop di Ricerca che si terrà venerdì 10 Giugno presso la Leuphana University di Lüneburg (Germania).

Tema del Workshop sarà: “Percepire la verità e il valore – Deliberazioni fenomenologiche sulla percezione etica”.

Dibattiti neurofenomenologici, filosofici, psichiatrici e teologici, negli ultimi anni hanno messo in dubbio la tradizionale distinzione soggetto – oggetto: è stato rivelato che la soggettività umana è una soggettività ecologica, che il cervello è un organo relazionale, che l’essere umano sta diventando una linea dinamica in un mondo senza oggetti, poiché il “sé” è costituito passivamente l’Altro, e la percezione è concettuale fin dall’inizio.
Date queste condizioni, la classica distinzione tra qualità primarie e secondarie deve essere abbandonata? Come funziona la percezione di valori come “buono” , “meglio”, “vero” e “bello”? Questo significa che i valori non possono essere semplicemente attribuiti al soggetto come parte del suo apparato cognitivo – interpretativo? I valori stanno “nel mezzo”?

Condividi l'articolo

Ti potrebbero anche interessare

La fine di un “annus horribilis”: la riflessione del Prof. Tagliapietra
Filosofia30 dicembre 2020
La fine di un “annus horribilis”: la riflessione del Prof. Tagliapietra
Sapori e relazioni: il master in Filosofia del cibo e del vino organizza un Webinar
Eventi22 dicembre 2020
Sapori e relazioni: il master in Filosofia del cibo e del vino organizza un Webinar
Forme del patriarcato oggi: Workshop SWIP Italia
Eventi23 novembre 2020
Forme del patriarcato oggi: Workshop SWIP Italia
Convegno: Che cosa c’è di umano nell’intelligenza (artificiale)?
Eventi18 novembre 2020
Convegno: Che cosa c’è di umano nell’intelligenza (artificiale)?