Tutte le news

Economy and emotions: ce ne parla il prof. Matteo Motterlini

29 luglio 2016
Filosofia


Osservare più da vicino le nostre emozioni potrebbe aprire la strada ad una nuova economia più vicina al reale funzionamento della nostra mente, una economia più umana basata anche sui nostri stati d’animo, paure ed irrazionalità.
L’uomo da sempre sceglie, non solo seguendo un processo decisionale razionale, ma anche secondo il suo istinto, quindi comprendere scientificamente questo meccanismo permetterebbe la creazione di modelli economici a razionalità limitata più vicini a come l’essere umano prende decisioni.
“Poiché l’uomo non è un essere perfettamente razionale: la psicologia è estremamente importante per l’economia”, spiega, in un intervento per le Generali, il filosofo e neuro-economista Matteo Motterlini, professore all’Università Vita-Salute San Raffaele, nominato Consigliere della Presidenza del Consiglio dei Ministri per le Scienze Sociali e Comportamentali, l’11 maggio scorso.
http://www.generali.com/who-we-are/discovering-generali/Economy-and-emotions.html

Condividi l'articolo

Ti potrebbero anche interessare

Neuroethics: New Ways of Investigating the Brain – call for paper.
Attività di ricerca17 febbraio 2020
Neuroethics: New Ways of Investigating the Brain – call for paper.
E’ mancato il Prof. Severino, docente della Facoltà di Filosofia.
Ateneo17 gennaio 2020
E’ mancato il Prof. Severino, docente della Facoltà di Filosofia.
Tavola rotonda “Cibo e sapere”
Filosofia14 gennaio 2020
Tavola rotonda “Cibo e sapere”
Democrazia vulnerabile. Potenzialità e rischi della web politics
Filosofia10 dicembre 2019
Democrazia vulnerabile. Potenzialità e rischi della web politics