Tutte le news

COVID-19: uno studio UniSR analizza i dati provinciali di mortalità

23 aprile 2020
Medicina

Piacenza, Bergamo e Lodi le province più colpite; seguono Cremona, Brescia, Parma, Alessandria, Lecco, Sondrio e Aosta

 

Si potrebbe definire “l’epidemia della A21”, in riferimento al percorso dell’autostrada che tocca alcune delle province del nord Italia maggiormente colpite dall’epidemia di COVID-19. A rilevare questa localizzazione dello sviluppo dell’epidemia secondo una traiettoria è uno studio dell’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano che si è concentrato sulla rilevazione dei tassi di mortalità per COVID-19 dall’inizio dell’epidemia e per i primi 55 giorni, ovvero fino al 17 aprile scorso. Lo studio, realizzato nell’ambito del Progetto europeo Horizon 2020, è in via di pubblicazione sulla rivista ACTA BIOMEDICA.

Dall’analisi dei dati pubblicati dalla Protezione Civile e dai siti delle regioni, relativi alle province della Lombardia, dell’Emilia Romagna, del Piemonte e della Val d’Aosta, emerge che la provincia con il più alto tasso di mortalità cumulativa sia Piacenza (258,5 morti x 100.000 abitanti), seguita da Bergamo (255,9) e Lodi (247,8), cui seguono Cremona e Brescia. Tra le province del nord Italia segnate da più di 100 morti x 100.000 abitanti si trovano anche Parma, Alessandria, Lecco e Sondrio.

Dichiara il primo autore della ricerca Prof. Carlo Signorelli, ordinario di Igiene e Sanità pubblica e Direttore della Scuola di specializzazione in Igiene e medicina preventiva e presso UniSR:

“Questi dati danno un’immagine della dinamica epidemica che sfugge quando si analizzano i dati aggregati su base regionale. L’epidemia non guarda ai confini amministrativi ma piuttosto alle grandi vie di comunicazione e scambio. Le 12 province più colpite appartengono a 4 regioni diverse e ciò testimonia come la diffusione abbia seguito delle dinamiche che andranno meglio studiate e che cercheremo di approfondire. La prossima fase del nostro studio comprenderà anche l’analisi dei dati complessivi di mortalità, non solo per le province, ma anche per comuni o distretti, per valutare i singoli focolai che probabilmente sono, in un primo momento, sfuggiti all’osservazione, nonché la quota di decessi non rilevati dal sistema di notifica COVID-19”.

Condividi l'articolo

Ti potrebbero anche interessare

Il benessere degli operatori sociosanitari per una migliore cura dell’anziano
Premi e riconoscimenti26 maggio 2020
Il benessere degli operatori sociosanitari per una migliore cura dell’anziano
Indagati i meccanismi causa delle ricadute di leucemia post-trapianto
Premi e riconoscimenti21 maggio 2020
Indagati i meccanismi causa delle ricadute di leucemia post-trapianto
Il Prof. De Bonis riconfermato in un importante ruolo nella Società Europea di Cardiochirurgia (EACTS).
Ateneo20 maggio 2020
Il Prof. De Bonis riconfermato in un importante ruolo nella Società Europea di Cardiochirurgia (EACTS).
Greta, campionessa olimpica UniSR, coinvolta in uno studio su COVID-19
Premi e riconoscimenti15 maggio 2020
Greta, campionessa olimpica UniSR, coinvolta in uno studio su COVID-19