Tutte le news

Freezing of gait in Parkinson’s disease: what does rehabilitation have to offer?

04 aprile 2018
Medicina

Lunedì 9 aprile alle ore 16.00 in aula Newton DIBIT1 la Professoressa Alice Nieuwboer, fisioterapista esperta nella riabilitazione dei disordini del movimento, terrà un seminario dal titolo “Freezing of gait in Parkinson’s disease: what does rehabilitation have to offer?”.

Alice Nieuwboer ricopre il ruolo di Professore Ordinario presso il Department of Rehabilitation Sciences KU Leuven e dirige il Neuromotor Rehabilitation Research Group KU Leuven. Insieme al suo team di ricerca, è riconosciuta a livello internazionale per il prezioso contributo scientifico allo studio dei meccanismi del controllo e dell’apprendimento motorio, del cammino e del freezing of gait nei disordini del movimento.

Il promotore dell’evento è il Professor Massimo Filippi, Professore Ordinario di Neurologia della nostra Università – Presidente del Corso di Laurea in Fisioterapia e Direttore della Scuola di Specialità in Neurologia.

Il Professor Massimo Filippi invita gli studenti dei Corsi di Laurea in Medicina (italiano e inglese), Fisioterapia e Scienze Riabilitative delle Professioni Sanitarie, i Medici Specializzandi e tutti i colleghi interessati a partecipare al seminario.

Condividi l'articolo

Ti potrebbero anche interessare

Realizzata la prima mappatura completa dei neutrofili umani
Medicina28 settembre 2022
Realizzata la prima mappatura completa dei neutrofili umani
Al San Raffaele un truck di simulazione chirurgica
Ateneo13 settembre 2022
Al San Raffaele un truck di simulazione chirurgica
Dimostrata l’efficacia preclinica dei linfociti NKT come piattaforma cellulare universale per il trattamento dei tumori
Medicina25 agosto 2022
Dimostrata l’efficacia preclinica dei linfociti NKT come piattaforma cellulare universale per il trattamento dei tumori
Una nuova piattaforma di terapia genica per il glioblastoma multiforme
Medicina14 luglio 2022
Una nuova piattaforma di terapia genica per il glioblastoma multiforme