Tutte le news

Medici UniSR al primo posto nelle classifiche nazionali per le specializzazioni

30 luglio 2019
Medicina

Medici UniSR al top nelle classifiche nazionali per le specializzazioni

Uno dei momenti critici nella carriera di un medico dopo la laurea è la scelta della specializzazione e la “sfida” per poter entrare nell’area tanto desiderata: il temuto test d’ammissione si svolge su base nazionale, mette al disposizione tutti i posti riconosciuti in Italia nelle scuole di specializzazione e si rivolge a tutti i laureati in Medicina e Chirurgia.

Anche quest’anno, a seguito del test,  è uscita la classifica stilata dall’Associazione Liberi Specializzandi di giovani medici in cui emerge l’ottima posizione dei Laureati UniSR.

La classifica, che si basa sul voto medio conseguito dai candidati, vede i nostri medici al primo posto: su una media complessiva del punteggio del test calcolata del 96,04, i Medici laureati all’Università Vita-Salute San Raffaele hanno raggiunto il valore di 100,17.

Questo posizionamento nelle classifiche dà ai nostri laureati la possibilità di scegliere in modo prioritario le migliori scuole di Specializzazione in cui proseguire la propria formazione confermando l’eccellenza della preparazione UniSR.

Consulta la classifica in fase di aggiornamento

Classifica-Università
Condividi l'articolo

Ti potrebbero anche interessare

Un nuovo farmaco per la colite ulcerosa: i risultati dello studio coordinato dal prof. Danese
Ricerca27 maggio 2022
Un nuovo farmaco per la colite ulcerosa: i risultati dello studio coordinato dal prof. Danese
Gli specializzandi UniSR partecipano a Save Lives: Clean Your Hands 2022
Ateneo05 maggio 2022
Gli specializzandi UniSR partecipano a Save Lives: Clean Your Hands 2022
Nuove evidenze sul potenziale terapeutico dell'LSD nei disturbi d'ansia
Ricerca14 aprile 2022
Nuove evidenze sul potenziale terapeutico dell'LSD nei disturbi d'ansia
Decifrare in che modo i tumori “corrompono” le cellule del sistema immunitario
Medicina30 marzo 2022
Decifrare in che modo i tumori “corrompono” le cellule del sistema immunitario