Tutte le news

La scienza in classe

Studenti di Biotecnologie UniSR portano la ricerca hands-on nelle scuole

21 maggio 2024
Attività di ricerca

Attività di laboratorio nelle scuole, animate dagli e dalle studenti di Biotecnologie dell’Università Vita-Salute San Raffaele

È il progetto “Breakin’ Science”, l’iniziativa di Public Engagement ideata da UniSR in collaborazione con IRCCS Ospedale San Raffaele, che propone alle scuole secondarie di primo grado dell’area milanese diverse attività per vivere in prima persona il mondo della ricerca: estrazione del proprio DNA, elettroforesi, visione di cellule e tessuti al microscopio.

Le esperienze laboratoriali e l’incontro diretto con le ricercatrici e i ricercatori sono essenziali per comprendere la scienza, che prima di essere un insieme di conoscenze è anche un modo di pensare e di guardare il mondo.

UniSR è da sempre convinta che la comunicazione, il coinvolgimento e l’educazione nell’ambito delle scienze della vita rivolti a un pubblico di “non addetti ai lavori” rappresentino un’interazione significativa e costruttiva che offre opportunità di apprendimento reciproco tra scienziate/i e membri del pubblico. Per questo motivo, gli e le studenti UniSR, parallelamente al loro percorso accademico nel Campus, partecipano a una molteplicità di eventi che hanno l’obiettivo di promuovere una cultura della salute e della prevenzione nella società e sul territorio.

L'edizione 2024

Per l’edizione 2024 di Breakin’ Science, UniSR ha coinvolto i e le studenti del Corso di Laurea in Ricerca Biotecnologica in Medicina e del Corso di Laurea Magistrale in Biotechnology and Medical Biology, che hanno animato le attività con competenza e passione.

I momenti di dialogo e confronto con un pubblico “non esperto”, specialmente quando così giovane, arricchiscono le ricercatrici e i ricercatori, aiutandole/i nel raccogliere nuove idee e punti di vista, migliorare le proprie abilità comunicative, e farcendo loro rivivere l'entusiasmo di approcciarsi alla scienza per la prima volta. Un’esperienza sfidante, che i e le studenti hanno accolto con entusiasmo:

Breakin’ Science è stata un’occasione unica per raccontare e mostrare alle nuove generazioni ciò che noi ricercatori amiamo fare. Questa esperienza ha messo noi ricercatori davanti a una sfida abbastanza inusuale e per questo molto stimolante: illustrare la complessità di ciò che facciamo usando parole semplici che potessero appassionare il nostro pubblico,

racconta Bianca Nesti, I anno BMB.

Aggiunge Letizia Morelli, II anno BMB:

È stata la prima opportunità di fare divulgazione scientifica a un pubblico diverso da colleghi e professori, cercando quindi di adattare un linguaggio “tecnico” per un pubblico di non esperti: una sfida non semplice! Ho apprezzato specialmente l’opportunità di aver potuto avvicinare e rendere più concreta la scienza, che molto spesso a quell’età si studia solo sui libri e sembra una materia così astratta e lontana. È sicuramente un’esperienza da ripetere!

Conclude Edoardo Lissoni, II anno BMB:

Le opportunità come questa che UniSR permette di vivere a noi studenti sono un’ottima aggiunta al nostro percorso accademico, e alimentano la nostra passione per la scienza.


 

Sei curioso/a di saperne di più oppure vuoi dare la tua disponibilità a partecipare a Breakin' Science? Scrivici una mail a: divulgazione@hsr.it

Condividi l'articolo

Ti potrebbero anche interessare

Identificata per la prima volta una terapia per prevenire l’insufficienza renale acuta
Ricerca12 giugno 2024
Identificata per la prima volta una terapia per prevenire l’insufficienza renale acuta
Il San Raffaele scommette sulla diagnosi precoce dei tumori del cavo orale
Attività di ricerca17 novembre 2023
Il San Raffaele scommette sulla diagnosi precoce dei tumori del cavo orale
Scoperto un meccanismo chiave nella patogenesi del tumore al pancreas
Ricerca01 novembre 2023
Scoperto un meccanismo chiave nella patogenesi del tumore al pancreas
La Telecyclette per combattere l’isolamento degli anziani
Attività di ricerca02 luglio 2023
La Telecyclette per combattere l’isolamento degli anziani