Tutte le news

Ricerca scientifica, società e giustizia.

07 dicembre 2016
Ateneo


Adriana Albini (Top Italian Women Scientists), Arianna Censi (Vice-sindaco della Città metropolitana di Milano), Delia Colombo (Value and Access Head, Novartis Pharma), Anna Flavia d’Amelio Einaudi (Direttore operativo area ricerca San Raffaele, Marilisa D’Amico (UniMI, Centro di ricerca interuniversitario in culture di Genere), Barbara Garavaglia (IRCCS Carlo Besta), Mauro Grimoldi (Coordinatore scientifico della Casa dei diritti), Alessandra Kustermann (Centro Soccorso Violenza sessuale e domestica, Fondazione IRCCS Ospedale Maggiore Policlinico, Mangiagalli e Regina Elena), Pierfrancesco Majorino (Assessore politiche sociali, salute e diritti, Comune di Milano)

Sono questi i partecipanti alla tavola rotonda “Ricerca scientifica, società e giustizia”, moderata da Elena Tebano (Corriere della Sera, La ventisettesima ora) che si terrà il 14 dicembre, a partire dalle ore 16.30, nell’ambito della cerimonia di inaugurazione del nuovo Centro Interfacoltà per gli studi di Genere “Gender”.

Un appuntamento imperdibile per tutti coloro i quali desiderano conoscere da vicino le tante sfaccettature della ricerca scientifica sul tema e approfondire questioni di estrema rilevanza sociale come per esempio il rapporto tra ricerche di genere e mondo sociale e istituzionale.

Condividi l'articolo

Ti potrebbero anche interessare

ANVUR 2015-2019: UniSR tra le migliori università per ricerca e terza missione
Ateneo19 aprile 2022
ANVUR 2015-2019: UniSR tra le migliori università per ricerca e terza missione
UniSR tra gli Enti fondatori dell’Associazione APEnet
Ateneo13 aprile 2022
UniSR tra gli Enti fondatori dell’Associazione APEnet
FameLab Milano: aperte le iscrizioni al talent show internazionale della divulgazione
Ateneo04 aprile 2022
FameLab Milano: aperte le iscrizioni al talent show internazionale della divulgazione
Il secondo episodio del cartone “Leo e Giulia” spiega i vaccini anti-Covid ai più piccoli
Ateneo28 marzo 2022
Il secondo episodio del cartone “Leo e Giulia” spiega i vaccini anti-Covid ai più piccoli