Tutte le news

Al San Raffaele l’8° Congresso Internazionale di Chirurgia Aortica e Periferica “How to do it”

06 dicembre 2018
Medicina

Dal 13 al 15 dicembre si terrà presso l’IRCCS Ospedale San Raffaele l’ottava edizione del Congresso internazionale di chirurgia aortica e periferica “How to do it”, a cui parteciperanno più di 1000 delegati tra scienziati, medici e chirurghi provenienti da tutto il mondo.
Una tre giorni dedicata al confronto multidisciplinare tra i più eminenti esperti italiani e stranieri nel campo della chirurgia vascolare che ha l’importante compito di informare e aggiornare la comunità scientifica internazionale sulle più recenti innovazioni tecniche e tecnologiche nel trattamento delle malattie a carico dell’aorta toracica e addominale, delle carotidi e dei vasi periferici.

L’evento è organizzato dal Prof. Roberto Chiesa, direttore della Scuola di specializzazione in Chirurgia vascolare dell’Università Vita-Salute San Raffaele e primario dell’Unità di Chirurgia vascolare dell’IRCCS Ospedale San Raffaele, e dal Prof. Germano Melissano, associato di Chirurgia vascolare dell’Università Vita-Salute San Raffaele, con la collaborazione dei più importanti congressi internazionali sulla chirurgia vascolare che rendono possibile assistere alla proiezione di importanti casi clinici.

La locandina del Congresso è scaricabile al seguente link.

Condividi l'articolo

Ti potrebbero anche interessare

Strategie per lo sviluppo di vaccini: un’overview
Curiosiscienza30 settembre 2020
Strategie per lo sviluppo di vaccini: un’overview
Covid-19: svelate predisposizioni genetiche e immunologiche
Ricerca28 settembre 2020
Covid-19: svelate predisposizioni genetiche e immunologiche
Ferreri e Ponzoni “World Expert” di linfomi secondo l’autorevole tool Expertscape
Premi e riconoscimenti24 settembre 2020
Ferreri e Ponzoni “World Expert” di linfomi secondo l’autorevole tool Expertscape
Al San Raffaele il primo intervento al mondo al cervello con un robotiscopio
Ricerca22 settembre 2020
Al San Raffaele il primo intervento al mondo al cervello con un robotiscopio