Tutte le news

#FeritaTerra "Filosofia del terremoto. Usi filosofici della catastrofe".

Il Prof. Andrea Tagliapietra all’ Istituto Italiano di Cultura di Berlino

15 novembre 2019
Filosofia

Andrea Tagliapietra, professore ordinario di storia della filosofia del nostro Ateneo, interverrà ad un evento presso  l’ Istituto Italiano di Cultura di Berlino


#FeritaTerra

lun. 2 dicembre 2019, ore 19.00
Istituto Italiano di Cultura di Berlino

Introduce il curatore del ciclo Mario Marino (Brandenburgische Technische Universität Cottbus-Senftenberg).

Info qui

La parola catastrofe, in italiano come in tedesco, indica l’esperienza di un mutamento repentino e disastroso dello stato delle cose. I terremoti ci mostrano il volto autentico della catastrofe come esperienza dell’essere in balia di una forza immane, caotica e, benché oggi scientificamente spiegata nelle sue cause, ancora imprevedibile e, quindi, in ultima analisi casuale. Così la catastrofe, oltre le risposte della scienza, spalanca la vertigine dell’inizio e della fine, mette alla prova la nostra capacità di sopportare la domanda se ci sia un senso e un ordine del tutto. Ecco allora che il pensiero, di fronte alla catastrofe, ritrova quel sentimento perturbante di stupore attonito (thàuma), misto di meraviglia e di terrore, che gli antichi ponevano all’origine stessa della filosofia.

 

Condividi l'articolo

Ti potrebbero anche interessare

Attività del Laboratorio Filosofia Impresa
Filosofia30 marzo 2020
Attività del Laboratorio Filosofia Impresa
Scuola estiva in filosofia per studenti delle scuole superiori.
Filosofia04 marzo 2020
Scuola estiva in filosofia per studenti delle scuole superiori.
SINe-INS Conference: New Ways of Investigating the Brain –Postponed -  May 2021
Attività di ricerca17 febbraio 2020
SINe-INS Conference: New Ways of Investigating the Brain –Postponed - May 2021
Giornata della Memoria: mantenere vivo il ricordo e agire ne parliamo con la Professoressa Sala
Ateneo27 gennaio 2020
Giornata della Memoria: mantenere vivo il ricordo e agire ne parliamo con la Professoressa Sala