Fenomenologia e Scienze della Persona

Oggi esistono due diffuse forme di scetticismo relativo al mondo della vita: il Relativismo Ermeneutico e Materialismo Riduttivo. Il primo è in effetti oggi (nel mondo occidentale) la filosofia della cultura dominante nelle cerchie più ampie delle persone consapevoli; mentre il secondo è la filosofia naturale dominante, specialmente per quanto riguarda l’uomo e la sua mente.

Entrambi sono forme di scetticismo relativo alle cose immediatamente date nell’orizzonte della vita quotidiana, inclusi noi stessi, le persone umane.

In accordo con il Relativismo Ermeneutico non ci sono modi di esperienza immediata come intuizione, percezione o sentire che siano aperti al vero, il mondo essendo avvolto nel linguaggio, nelle culture e nelle interpretazioni. Ma in accordo col Materialismo Riduttivo, i fenomeni non sono che epifenomeni, le apparenze non sono che parvenze, ombre o sogni “causati” da realtà completamente diverse da ciò che appare, come nel mondo virtuale di Matrix.  E i due scetticismi si tendono la mano, e si completano volentieri a vicenda, oggi.