Tutte le news

IL TRAGICO NELL’IDEALISMO TEDESCO

28 aprile 2017
Filosofia


2 e 3 maggio 2017

L’annuale convengo del centro di ricerca in Metafisica e Filosofia delle Arti “Diaporein sarà dedicato al problema del tragico a partire dal pensiero di Hegel e degli altri pensatori dell’idealismo tedesco. Le due giornate di studi vedranno la partecipazione di importanti studiosi italiani della filosofia classica tedesca e delle sue implicazioni con il pensiero novecentesco e contemporaneo.

2 maggio 2017

Sessione pomeridiana

14.15-14.30
Saluto del Preside della Facoltà di Filosofia
Prof. R. Mordacci

14.30-16.30
A partire da Hegel
Prof. S. Givone (Prof. emerito – Università degli Studi di Firenze)
Prof. M. Cacciari (Prof. emerito – Università Vita-Salute San Raffaele)

3 maggio 2017

Sessione mattutina

10.00-10.30
Il tragico negli Scritti giovanili di Hegel
Prof. M. Moschini (Università degli Studi di Perugia)

11.00-11.30
Hölderlin. Il ‘tragico’ tra metafisica e teoria della letteratura
Prof. G. Rametta (Università degli Studi di Padova)

12.00-12.30
Il tragico e la logica trascendentale
Prof. F. Valagussa (Università Vita-Salute San Raffaele)

Sessione pomeridiana

15.00-15.30
Tragedia e seconda natura nella ‘Fenomenologia dello spirito’ di Hegel
Prof. G. Garelli (Università degli Studi di Firenze)

16.00-16.30
La struttura tragica dell’azione
Prof. L. Illetterati (Università degli Studi di Padova)

Condividi l'articolo

Ti potrebbero anche interessare

L’Europa e il climate change: giornata di studi a Palazzo Arese Borromeo
Ateneo10 settembre 2020
L’Europa e il climate change: giornata di studi a Palazzo Arese Borromeo
Open Day Filosofico UniSR: 15 settembre!
Filosofia06 agosto 2020
Open Day Filosofico UniSR: 15 settembre!
Empatia in tempo di crisi: quali effetti possiamo vedere nella situazione attuale?
Filosofia04 agosto 2020
Empatia in tempo di crisi: quali effetti possiamo vedere nella situazione attuale?
Vivere l’ambiente universitario a 360 gradi da casa: è stato possibile e stimolante!
Ateneo03 agosto 2020
Vivere l’ambiente universitario a 360 gradi da casa: è stato possibile e stimolante!