Tutte le news

Al San Raffaele corso residenziale sui nuovi farmaci per le leucemie

26 ottobre 2018
Medicina

Il 22 e 23 Novembre 2018 il San Raffaele ospiterà un corso residenziale relativo alla Leucemia Linfatica Cronica e ai Linfomi non Hodgkin. Responsabile scientifico del Corso sarà il Prof. Paolo Ghia, Ordinario di Medicina Interna presso l’Università Vita-Salute San Raffaele e Responsabile del programma di Ricerca Strategica sulla Leucemia Linfatica Cronica.  

“NUOVI FARMACI PER IL TRATTAMENTO DELLA LEUCEMIA LINFATICA CRONICA E DEI LINFOMI NON HODGKIN: UN APPROCCIO MULTIDISCIPLINARE PER PREVENIRE E GESTIRE LE TOSSICITÀ”

La gestione dei pazienti con leucemia linfatica cronica (LLC) ed altri disordini linfoproliferativi (linfoma mantellare e follicolare) è stata rivoluzionata negli ultimi anni dall’introduzione di farmaci inibitori delle chinasi (inibitori di BTK e di PI3K) e dagli inibitori di BCL-2. L’utilizzo sempre più diffuso di questi composti ha portato il medico che si occupa di queste malattie a confrontarsi con nuove tossicità, non associate classicamente alla chemioimmunoterapia, che richiedono una gestione multidisciplinare ed una valutazione attenta del rapporto rischio/beneficio nell’orientare le scelte terapeutiche. Il corso si propone di portare al medico che si occupa dei pazienti di LLC e linfomi le nozioni fondamentali per un’interazione consapevole con gli specialisti di riferimento.

La brochure del corso è disponibile al seguente link.

Condividi l'articolo

Ti potrebbero anche interessare

Dottorati UniSR 2024-2025
Ricerca10 luglio 2024
Dottorati UniSR 2024-2025
Identificata per la prima volta una terapia per prevenire l’insufficienza renale acuta
Ricerca12 giugno 2024
Identificata per la prima volta una terapia per prevenire l’insufficienza renale acuta
UniSR: scuole di specializzazione oltre i confini accademici
Post lauream03 giugno 2024
UniSR: scuole di specializzazione oltre i confini accademici
I linfociti T sono sufficienti a proteggere da COVID-19 anche in assenza di anticorpi
Ricerca14 marzo 2024
I linfociti T sono sufficienti a proteggere da COVID-19 anche in assenza di anticorpi