Eleonora Dondossola, ex biotecnologa UniSR, tra le 10 finaliste del Nature Research Award for Inspiring Science

04 ottobre 2019

Eleonora Dondossola, ex studentessa del primissimo anno del Corso di Laurea in Biotecnologie UniSR, oggi ricercatrice negli Stati Uniti e autrice di numerosi articoli scientifici pubblicati sulle più prestigiose riviste internazionali, è stata selezionata dal Nature publishing group tra le 10 finaliste del Nature Research Award for Inspiring Science.

L’Inspiring Science Award è un premio annuale per donne ricercatrici o accademiche in carriera che mira a onorare scienziate eccezionali, al fine di incoraggiare e ispirare la prossima generazione di donne interessate alle discipline scientifiche.

Dopo la Laurea Triennale, Magistrale e il Dottorato in Medicina Molecolare in UniSR, Eleonora si è trasferita all’MD Anderson Cancer Center a Houston, Texas, USA, uno dei migliori centri per la ricerca ed il trattamento del tumore, dove è stata promossa a junior faculty. La sua ricerca si concentra sul ruolo del microambiente nella progressione e nel trattamento del tumore. Di recente, ha ulteriormente ampliato i suoi studi verso tecnologie di ingegneria tissutale applicate allo studio dell'infiammazione e cancro, con particolare attenzione alle metastasi ossee del carcinoma prostatico e al suo targeting terapeutico. Dal 2014 ha ricevuto finanziamenti in supporto alla sua ricerca da diverse organizzazioni, che includono il Cancer Prevention and Research Institute of Texas, la Prostate Cancer Foundation, il Rolanette and Berdon Lawrence Bone Disease Program of Texas, NCI/Sage Bionetworks e il Prostate Cancer Spore.

Dichiara:

“Quando ero alle scuole superiori sono stata scoraggiata da molte persone, compresi compagni di classe e amici, dall’intraprendere una carriera scientifica perché percepita come un percorso con poche ricompense e opportunità molto limitate. Non ho abbandonato il mio sogno: ho dovuto impegnarmi tanto, fortemente supportata dalla mia famiglia, e ho concluso con successo i miei studi in Biotecnologie. Sono molto soddisfatta delle mie decisioni e del modo in cui si è sviluppata la mia carriera: rifarei tutto da capo”.

Nel 2017 è stata inclusa tra le più giovani 100 esperte italiane in ambito STEM (Scienza, Tecnologia, Ingegneria e Matematica). A questo proposito, Eleonora sprona le ragazze: “Dovete giocare un ruolo attivo nel loro sviluppo e fare la differenza: non credete che una carriera in un ramo STEM sia più adatta agli uomini! Perseguite invece le vostre ambizioni con passione in qualsiasi campo vi interessi”. 

Afferma infine:

“Sono molto entusiasta e abbastanza sbalordita di essere stata inclusa in questo elenco di straordinarie ricercatrici allo scopo di incoraggiare e ispirare le nuove generazioni di donne nella scienza. Condivido con piacere questa notizia con il mio Ateneo, dato che tutta la mia formazione si è svolta in UniSR: l’educazione ricevuta mi ha dato delle basi solidissime, che hanno consentito di inserirmi nell’ambito della ricerca internazionale in maniera competitiva già agli inizi della mia carriera, e ha sicuramente contribuito a portarmi dove sono oggi”.

Eleonora è una dei nostri #TalentiUniSR: leggi la sua intervista sul nostro blog UniScienza&Ricerca!

Eleonora Dondossola (in primo piano). In secondo piano, da sinistra a destra: Daniele Robesti (neolaureato all'International MD Program presso UniSR, ora in Italia per sostenere l'esame di abilitazione), Maria Parlani e Claudia Paindelli, entrambe ex studentesse di Biotecnologie UniSR laureatesi con Eleonora, e ora parte del suo team all'MD Anderson Cancer Center.

Ti potrebbero anche interessare