Le forme dell’odio al cinema

26 febbraio 2019

Un ciclo di incontri di Filosofie del Cinema

Riparte il 14 marzo il corso di Filosofie del Cinema , partnership tra la Facoltà di Filosofia UniSR e Casa della Cultura. Tema di quest’anno: Le forme dell’odio al cinema

Il corso, costituito da cinque incontri, mira a fornire ai partecipanti la padronanza dei metodi fondamentali per l’analisi filosofica di un’opera cinematografica.
Le lezioni si terranno, a partire dal 14 marzo, i giovedì presso la Casa della Cultura.

I docenti del corso saranno Roberto Mordacci, Alessandro Agostinelli, Roberta Sala, Giovanni Covini, Umberto Curi, Francesca De Vecchi, Riccardo Panattoni, Francesco Valagussa, Claudia Bianchi e Raffaele Ariano.

Per informazioni: info@casadellaculura.it.

SEDE:

Casa della Cultura – Via Borgogna, 3 – Milano

PER ISCRIVERSI:

www.casadellacultura.it

Per gli studenti dell’Università Vita-Salute San Raffaele: contattare la Dott.ssa Maria Russo (russo.maria@hsr.it). Il ciclo di incontri non ha frequenza obbligatoria e coatituisce un ampliamento seminariale del corso di Filosofie del Cinema che si tiene presso l’Università Vita-Salute San Raffaele nel secondo semestre.

Il corso è organizzato da:

Maria Russo, Docente di Filosofie del Cinema dell’Università Vita-Salute San Raffaele

 

Il programma è anche reperibile a questo link:

 

Giovedì 14 Marzo ore 20,30

Roberto Mordacci, Baciamo le mani: l’odio e il rispetto ne Il Padrino di Francis Ford Coppola

Alessandro Agostinelli, Nel sangue e nella tribolazione

 

Giovedì 21 Marzo ore 18,00

Roberta Sala, Odio per le minoranze

Giovanni Covini, Who’s Romeo. Storia di un ragazzo che scavalca i muri

 

Giovedì 28 Marzo ore 18,00

Umberto Curi, Un binomio asimmetrico

Francesca De Vecchi, Odio e altre emozioni negative nel paesaggio sociale

 

Giovedì 4 Aprile ore 20,30

Riccardo Panattoni, Dell’odio e del perturbante

Francesco Valagussa, L’odio e le sue forme. Il delitto perfetto

 

Giovedì 11 Aprile 18,00

Claudia Bianchi, Uomini che odiano le donne

Raffaele Ariano, (Not so) Funny Games. Sull’estremismo nel cinema contemporaneo

 

 

 

Ti potrebbero anche interessare