Tutte le news

GESTIRE, ORGANIZZARE E COMUNICARE LA SANITÀ, GRAZIE AGLI PSICOLOGI

02 settembre 2016
Psicologia


L’innovativo Corso di Laurea Magistrale internazionale in Cognitive Psychology in Health Communication, dell’Università Vita-Salute San Raffaele e l’Università della Svizzera italiana, apre le porte ad una nuova professione, stimolante e sempre più richiesta in Europa: lo psicologo cognitivo per la salute che si avvale, sia di una preparazione in campo neuro-psicologico, che di nozioni di comunicazione, strategia e management e le mette a favore degli enti operanti nel settore sanitario.
Scopriamo le peculiarità del corso in questa intervista alla professoressa Clelia Di Serio, coordinatrice della laurea magistrale.

Dove potrà essere impiegato un laureato in Cognitive Psychology in Health Communication?
I laureati potranno essere impiegati come esperti in psicologia cognitiva in ambito di organizzazione, management, mediazione e comunicazione strategica all’interno delle imprese private e delle organizzazioni pubbliche operanti nel ramo della salute, delle tecnologie biomedicali, della ricerca scientifica. La loro formazione di psicologi integrata con competenze forti di comunicazione sanitaria, analisi di dati e management contribuirà a farne una figura nuova e all’avanguardia (presente da anni già negli Stati Uniti) in tutti i settori istituzionali pubblici e privati nel campo della salute, della pianificazione di campagne sociali di prevenzione e tutela della salute. Con queste competenze potranno intervenire anche negli aspetti strategici direzionali dell’organizzazione e la comunicazione interna in enti pubblici e privati come strutture ospedaliere complesse, autorità governative e non governative per la tutela della salute, aziende farmaceutiche e biotecnologiche, ma anche nella pubblica amministrazione, nei servizi pubblici dedicati all’educazione, alla scuola, all’ordine pubblico. Il laureato sarà comunque uno psicologo a tutti gli effetti che un domani potrà anche decidere di dedicarsi alla libera professione.

In quali Paesi è riconosciuta la laurea magistrale in Cognitive Psychology in Health Communication?
La laurea magistrale è il primo esempio di joint degree, ovvero di un titolo di studio unico di Psicologo rilasciato congiuntamente dai due Atenei, che ha pari dignità di riconoscimento in Italia e in Svizzera, paesi dove si divide anche la didattica (un semestre si svolge a Lugano e uno a Milano). Il nuovo corso vanta anche altri primati: è la prima laurea specialistica in inglese in ambito psicologico per tutta la Svizzera e la prima in generale per il Canton Ticino.
La figura professionale innovativa emergente dal corso di studi è quella dello psicologo cognitivo che può contare su una laurea magistrale in Psicologia, riconosciuta in Svizzera e da EuroPsy (Certificazione di qualità fondata sugli standard europei di formazione accademica e professionale messo a punto dall’EFPA – European Federation of Psychologists’ Associations) che consente dopo il perfezionamento di esercitare anche la “tradizionale” professione clinica in tutti i paesi europei.

Cosa si intende con “field project”?
Il corso di laurea magistrale in Cognitive Psychology in Health Communication prevede all’interno del corso di studi l’ideazione, lo sviluppo e la realizzazione di un progetto sul campo, all’interno di alcuni enti partner in tutta Europa. Ciò consentirà agli studenti d’inserirsi immediatamente in un network internazionale di opportunità d’impiego.

A quanto ammonta il costo del corso di studio? Sono previste misure di sostegno allo studio?
Il costo della laurea magistrale è di 8.000 CHF per anno. Ogni anno la Fondazione per le Facoltà di Lugano dell’Università della Svizzera italiana mette a disposizione degli studenti svizzeri e stranieri 60 borse di merito da 4.000 CHF. È possibile accedere anche all’assegnazione di borse di studio e/o all’esonero dal pagamento delle tasse e contributi universitari emanati annualmente dall’Università Vita-Salute San Raffaele, in conformità alle disposizioni della Regione Lombardia (regolamentate dalla disciplina I.S.E.E. – Indicatore della Situazione Economica Equivalente per le prestazioni agevolate per il diritto allo studio universitario). Gli studenti potranno ricorrere alternativamente all’una o all’altra forma di sostegno.

 

Condividi l'articolo

Ti potrebbero anche interessare

Al via la 12^ edizione del master in Psicopatologia Forense e Criminologia Clinica
Post lauream25 ottobre 2019
Al via la 12^ edizione del master in Psicopatologia Forense e Criminologia Clinica
Come rendere più leggibili le pagine Internet: lo svela uno studio in collaborazione con UniSR
Psicologia10 settembre 2019
Come rendere più leggibili le pagine Internet: lo svela uno studio in collaborazione con UniSR
XXV Congresso nazionale Associazione Italiana di Psicologia Sezione Sperimentale - 18-20 Settembre 2019
Ateneo05 settembre 2019
XXV Congresso nazionale Associazione Italiana di Psicologia Sezione Sperimentale - 18-20 Settembre 2019
Esami: i 5 consigli per studiare al meglio
Psicologia25 giugno 2019
Esami: i 5 consigli per studiare al meglio