Tutte le news

Al Dott. Pennestrì il Premio Martinelli alla miglior tesi di dottorato 2017/18 ai servizi del terzo settore

25 giugno 2019
Filosofia

Il Dott. Federico Pennestrì, Dottore di Ricerca in Filosofia e Scienze della Mente presso UniSR, ha vinto il Premio Martinelli elargito da Fondazione Confalonieri (Milano) per la miglior tesi di dottorato 2017/2018 dedicata ai Servizi del terzo settore. Il Premio ammonta a €2500 per la miglior tesi di dottorato e la miglior tesi di laurea magistrale nell'anno corrente.

Il Dott. Pennestrì è Docente a Contratto presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia UniSR, Ricercatore presso la Direzione Scientifica dell'IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi e Professore di Bioetica presso il Liceo Scientifico e Classico San Raffaele. La sua tesi di dottorato (“Universalismo della copertura ed equità di accesso ai servizi: riformare l'eccellenza sanitaria lombarda”), discussa nel Novembre 2017, è frutto della collaborazione fra UniSR e Polis Lombardia (Istituto di ricerca, formazione e statistica per il Supporto alle politiche regionali). Nella cerimonia di premiazione, tenutasi lo scorso Maggio presso la Sala Napoleonica dell'Università Statale di Milano, è stato sottolineato il contributo degli erogatori pubblici e privati convenzionati nella presa in carico del paziente anziano, fragile e cronico all'interno di un percorso personalizzato atto a tenere il paziente stesso il più possibile fuori dall'ospedale, migliorandone la qualità della vita, riducendo il rischio di complicazioni iatrogeniche e riducendo i costi del trattamento in regime per acuti.

Dichiara il Dr. Pennestrì:

Nel 2016 quasi un cittadino lombardo su tre era affetto da patologie croniche di vario genere e impatto. Tre anni prima, nel 2013, si era calcolato che il 30% dei pazienti assistiti dal Servizio Regionale è affetto da patologie croniche, e consuma il 70% del totale delle risorse sanitarie pubbliche, ammontante a circa €18 miliardi annuali. Il dato economico oggettiva in termini numerici il peso umano e sociale a carico del paziente anziano, cronico e fragile, che pur curato con ottimi esiti in contesto ospedaliero, incontra seri problemi nel proseguimento del proprio percorso al di fuori dell'ospedale, a causa di percorsi specialistici e riabilitativi frammentari, farmaci i cui effetti si sovrappongono, annullano o complicano a vicenda, difficoltà in termini di autonomia e movimento (si pensi semplicemente alla capacità di recarsi in modo frequente al punto di erogazione delle cure, o ancor più al problema che ciò comporta in termini lavorativi), scarsa integrazione con il sociale e generalmente mancanza di una regia complessiva.

Laddove non arrivano la famiglia, il medico di medicina generale e la possibilità di ricorrere al privato, il paziente rinuncia, riacutizza e torna in ospedale, con i problemi che ne derivano in termini di compromissione della qualità della vita ed esposizione a rischi iatrogeni. A dispetto di un servizio sanitario eccellente dal punto di vista del trattamento ospedaliero della patologia acuta, il futuro è migliorare sul piano dell'integrazione multidisciplinare e continuativa dei servizi territoriali. In questo, Regione Lombardia, con la legge 23/2015, ha posto le basi per un cambiamento rivoluzionario.

In questo, il San Raffaele può confermare il proprio enorme contributo al benessere della popolazione lombarda, e non solo, come erogatore privato convenzionato. Ringrazio la Prof.ssa Roberta Sala, il Prof. Massimo Reichlin e il Prof. Roberto Mordacci per avermi aiutato in questa preziosa occasione di crescita umana e professionale”.

Condividi l'articolo

Ti potrebbero anche interessare

Il messaggio del Preside della Facoltà di Filosofia agli studenti
Ateneo01 luglio 2020
Il messaggio del Preside della Facoltà di Filosofia agli studenti
Con Massimo Cacciari a “Triennale Estate”
Filosofia24 giugno 2020
Con Massimo Cacciari a “Triennale Estate”
Trappola del senno di poi e coronavirus: cosa dicono le neuroscienze?
Psicologia18 giugno 2020
Trappola del senno di poi e coronavirus: cosa dicono le neuroscienze?
Parte il nuovo CdL magistrale in Teoria e storia delle arti e dell’immagine
Filosofia09 giugno 2020
Parte il nuovo CdL magistrale in Teoria e storia delle arti e dell’immagine