Dottorato di Ricerca Internazionale in Medicina Molecolare

Possono presentare domanda di partecipazione al Corso di Dottorato, senza limitazioni di età e cittadinanza, coloro che siano in possesso di una Laurea Magistrale, Specialistica, a ciclo unico  o di analogo titolo accademico conseguito all’estero, preventivamente riconosciuto dalla Commissione Giudicatrice del Dottorato, anche nell’ambito di accordi o trattati internazionali e/o accordi interuniversitari di cooperazione e mobilità.

I laureandi possono presentare domanda di ammissione purché abbiano sostenuto tutti gli esami al momento della sottomissione della domanda e conseguano il titolo entro il termine massimo del 31 ottobre dello stesso anno.

Possono inoltre presentare domanda, ai sensi della normativa vigente, gli studenti che si iscriveranno all’ultimo anno delle Scuole di Specializzazione in area medica dell’Università Vita-Salute San Raffaele e che potranno concorrere ESCLUSIVAMENTE per le borse PhS (Physician-Scientist).

 

Le procedure di immatricolazione per l'ammissione al Corso di Dottorato in Medicina Molecolare per l’a.a. 2019/2020 sono in svolgimento (D.R. 6055 del 5/06/2019).

 

E' stato pubblicato un nuovo bando per l'ammissione al Corso di Dottorato in Medicina Molecolare per l’a.a. 2019/2020 (D.R. 6163 del 24/09/2019).

La deadline per la sottomissione della domanda di partecipazione al concorso per l'ammissione al Dottorato è il 26 ottobre alle ore 13:00.

La deadline per i referenti per caricare le lettere di referenze (secondo le modalità riportate nel bando ) è il 28 ottobre 2019.

 

La valutazione dei titoli presentati che non è pubblica e non richiede la presenza dei candidati, sarà effettuata dalla Commissione  il 6 novembre e a seguire verrà pubblicata la graduatoria degli ammessi ai colloqui.

I colloqui si terranno l'11 novembre 2019.

 

Le informazioni di seguito riportate sono un estratto, a titolo puramente informativo, del Bando di Concorso che rappresenta, nella versione italiana, l'unico mezzo di comunicazione legale dei relativi contenuti e pertanto, in caso di controversia, farà fede unicamente il testo del bando in lingua italiana.